Sarno, quei rifiuti che non interessano e diventano NO pesanti…

Una prima procedura di gara di appalto per il “servizio di conferimento della frazione umida dei rifiuti” era finita senza offerte già nel 2018, per un importo a base d’asta ritenuto  basso. Una seconda procedura venne pubblicata dalla Stazione appaltante di Bellizzi, per conto del Comune di Sarno,con un importo di 850 euro e una durata del servizio di un anno. L’unico operatore di gara partecipante ha ritenuto di non voler confermare l’offerta presentata e la procedura è stata dichiarata “infruttuosa”. Non essendo stato possibile procedere alla stesura di un ulteriore atto di proroga con la “Tortora ” di Castel San Giorgio, l’ente ha affidato l’appalto relativo al servizio di conferimento, in impianti di compostaggio o piattaforma autorizzata, della frazione organica umida proveniente dalla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, alla società Cuma di Giugliano, tramite affidamento diretto, con appalto di 2 mesi, importo massimo utilizzabile di 200 mila euro.