La politica nocerina non va in vacanza – Trattative sotto l’ombrellone per il 2020?

La politica nocerina non va mai in vacanza, sarà un 2020 rovente, più caldo dell’estate. Tra i nomi dei presunti e quelli che vorrebbero cimentarsi, di storie da raccontare ce ne saranno tante. Il quadro futuro delle alleanze diventa sempre più affascinante, niente simboli di partito, né bandiere, ma una alleanza trasversale che porterebbe ad una vittoria, se il puzzle dovesse confermarsi.

Nuove amicizie, nuovi amori, visti i tempi e visti i cambiamenti epocali. Perché non gettare le basi per un nuovo modello di rappresentanza politica che superasse le antiche etichette?

La caduta del Muro di Berlino aveva sconvolto il mondo. Si dissolveva la Cortina di ferro e con essa cessava anche una politica che faceva riferimento ad un mondo diviso tra Oriente e Occidente. Iniziava una nuova epoca, ma una nuova divisione si stava presentando agli occhi della gente dell’epoca.

Il sindaco Manlio Torquato ha sempre il suo giro di fedelissimi, scioglierà la riserva dopo l’estate? Tutto dipenderà anche dall’equilibrio che manterrà il primo cittadino. Sono manovre che solo a fine estate potrebbero vedere la luce, oppure rimanere nel cassetto. La parola d’ordine sembra essere: “Prudenza su nomi ed alleanze”. Nocera è già alla ricerca della sintesi perfetta, per il dopo Torquato.

Intanto dai post sui social e dalle conferenze stampa indette il tenore è già da campagna elettorale. È stagione di grandi cambiamenti.

And the story continues…