Roccapiemonte – Fino al 30 settembre obbligo di segnalazione per i rientri dall’ estero e altre regioni

Il Sindaco Carmine Pagano, considerato il costante aumento di contagi da Covid 19 degli ultimi giorni, ha ritenuto emettere nuova ordinanza sindacale con la quale dispone fino al prossimo 30 settembre 2020, e comunque fino a cessazione dell’emergenza sanitaria in corso, l’obbligo per tutti coloro che faranno rientro a Roccapiemonte da una Regione italiana diversa dalla Campania e/o da paesi esteri (salvo per coloro i quali vi accederanno per motivi di lavoro e quindi per un tempo limitato nell’arco della medesima giornata) e
ferme restando le disposizioni normative sovraordinate, in particolare regionali, per chi effettua rientri dall’estero o da Regioni focolaio, di SEGNALARE la propria presenza a Roccapiemonte al Centro Operativo Comunale per il tramite
dei Volontari del Nucleo di Protezione Civile.

Basterà compilare l’apposita modulistica che verrà fornita e/o contattando i volontari o la PL ai seguenti numeri 0812131278 oppure a mezzo mail ai seguenti indirizzi: segreteriapl.roccapiemonte@asmepec.it – npc.roccapiemonte@libero.it; – gli interessati potranno, ordinatamente e senza creare assembramento, portarsi presso la sede del Nucleo di Protezione Civile di Roccapiemonte, entro due giorni dall’arrivo a Roccapiemonte, sito in Via della Pace frazione San Potito, dal lunedì al sabato indicando, sotto la propria responsabilità, anche penale, quanto richiesto nella modulistica; – l’auto-dichiarazione non comporterà l’obbligo di quarantena, tranne i casi previsti dalle disposizioni nazionali vigenti, per il dichiarante ma avrà il solo scopo di monitorare e censire la mobilità locale nel caso in cui fosse necessario ricostruire la catena di eventuali contagi che dovessero in ipotesi sfortunata registrarsi ad avvenuta riapertura dei confini regionali e nazionali.

Intanto, il Sindaco Pagano e l’Assessore alle Politiche Sanitarie Daniemma Terrone, visti i dati allarmanti dei contagi da Covid 19 in Regione Campania, hanno sottoscritto una seconda richiesta per effettuare tamponi su tutti i dipendenti delle Rsa, case di riposo per anziani e centri di riabilitazione del territorio, oltre che per i dipendenti comunali maggiormente esposti al rischio contagio per le frequentazioni di persone e luoghi potenzialmente promiscui.

“Rimaniamo ottimisti per il futuro e fiduciosi nel buon senso dei cittadini circa l’utilizzo di mascherine e l’osservanza del distanziamento sociale, l’impegno di questa amministrazione continua – dicono il Sindaco e l’Assessore – affinché la ripresa, in ogni settore, specie ora che l’estate volge al termine, possa essere la più sicura possibile. Non siamo più cittadina Covid Free, in realtà non lo è più nessuno, quindi rimaniamo ancora più in guardia rispetto ai settori più vulnerabili della nostra città, contesti che abbiamo già attenzionato, come le
case di riposo, per evitare tragedie che purtroppo si sono registrate altrove.
Attendiamo fiduciosi un riscontro positivo dell’Asl rispetto alla nostra richiesta, per proseguire la nostra fondamentale politica della prevenzione”.