Scafati. L’ultimo abbraccio della città a Crescenzo Vitiello. VIDEO all’interno

La comunità scafatese è stravolta dalla tragedia, perchè di questo si è trattato, che ha visto portare via uno dei più ben riusciti figli della città: Crescenzo Vitiello. Stamane alle 9:30 si sono tenuti i funerali presso la chiesa di S. Vincenzo. La frazione tutta si è stretta al dolore della famiglia nel ricordo indelebile del giovane 35enne.

Da ieri è stato un plebiscito di post, messaggi e commemorazioni. C’è un senso di incredulità e sconforto per una vita spezzata ancora una volta da un malore improvviso e fulmineo.

Crescenzo è stato onorato dagli amici di infazia che lo hanno trasportato a spalla ed indossando una maglietta bianca con scritta “Crescenzo vive”. Un via vai di personalità e cariche presso l’abitazione del compianto giovane: il neo sindaco Salvati, alcuni candidati, il presidente Cesarano a suggellare il forte legame con la Scafatese. La squadra della sua città. Immancabile la maglietta dei canarini portata con se nel “macabro rito” che si tiene al cimitero.

L’emozione ha toccato picchi massimi quando gli ultras gialloblu hanno esposto uno striscione all’esterno della chiesa che recitava: “Ciao gigante buono, figlio di Scafati”, scroscio di applausi e cori.

In serata poi si è disputata la gara di calcetto valida per il torneo amatoriale “Scafati Summer Cup”, dove la squadra degli amici storici: Nicola Scuro, Gennaro Acanfora, Alfonso Matrone ed altri ancora hanno dedicato un minuto di raccoglimento ed indossato le magliette bianche con il lutto al braccio. Hanno pure stravinto e la dedica è andata tutta per il loro gigante.

I VIDEO delle celebrazioni a Crescenzo: