VIDEO | Operazione “Dirty market”: cenone di Capodanno più sicuro anche a Napoli

Un’operazione che ha coinvolto – per tutto il mese di dicembre – tutti i Comandi Territoriali delle Capitanerie di Porto. Controlli a raffica sull’intera filiera ittica per contrastare l’arrivo, sulle tavole degli italiani, di prodotti ittici “dirty”, non sicuri in quanto non garantiti e quindi potenzialmente pericolosi, oltre che pescati in spregio alle norme vigenti che tutelano l’ambiente marino.
L’operazione, denominata “Dirty market” e disposta a livello nazionale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, è stata attuata capillarmente dai 15 Comandi Regionali Marittimi e ha condotto, nell’arco di un solo mese, a 600 provvedimenti di sequestro, per un totale di circa 70 tonnellate di prodotto ittico sequestrato. Nell’ambito dell’operazione, sono state comminate più di 800 sanzioni amministrative, per un valore complessivo di circa 1.400.000 euro.

A Napoli sono state sequestrate oltre 5 tonnellate di prodotti ittici vari, tra cui 130 chili di tartufi di mare illegalmente detenuti in un impianto di “stabulazione” abusivo, e mezzo quintale di datteri di mare, la cui raccolta comporta un’irreversibile danneggiamento dei fondali marini.

Operazione "Dirty market": cenone di Capodanno più sicuro

Operazione congiunta, su scala nazionale, da parte di tutti i Comandi Territoriali delle Capitanerie di Porto. A Napoli sono state sequestrate oltre 5 tonnellate di prodotti ittici vari.

Posted by MediaNews24 – MN24.it on Samstag, 30. Dezember 2017