Viaggio Castel San Giorgio-Benevento, la grande avventura di Botta

È ufficiale: il Castel San Giorgio ha perfezionato la cessione di Manuel Botta, centrocampista anno 2002, al Benevento con la formula del prestito. Nella sede dei sanniti, alla presenza del responsabile delle giovanili giallorosse Diego Palermo, l’operazione è stata perfezionata da Longanella e Guariniello, presidente e direttore sportivo dei sangiorgesi. Botta sarà aggregato alla Primavera sannita allenata da Nicola Romaniello. Il giovane talento sianese aveva cominciato la scalata l’anno scorso, titolare in Eccellenza, giocando due anni sotto quota under, mostrando personalità e qualità tecnica, riuscendo a collezionare convocazioni nella Nazionale Dilettanti. Interno di centrocampo col vizio del gol, dagli inserimenti perfetti. Partenza forte anche quest’anno, titolare fisso col Castello, altre convocazioni in Nazionale, stage in prova col Benevento che ha deciso di non farselo scappare. In questi due anni in tanti hanno lavorato su di lui, da Cerminara e De Cesare passando per altri. Grande soddisfazione in casa sangiorgese, dare un calciatore ad una società quasi in A è motivo di vanto legittimo. Ma la fucina di talenti cresciuti in casa non si limita a Botta, a dimostrazione del buon lavoro, sfociato in una Juniores Elite, l’anno scorso guidata da Enzo Ferrara e quest’anno affidata a Lorenzo Prisco. In difesa giocano da titolari Capuano ed Esposito, nel giro di prima squadra c’è anche Avino. A centrocampo attenzione a Citro, Martinello e De Feo. In avanti occhio a Liguori, Pontone e Veneziano. Tutta gente cresciuta in casa, come quel Cataldo dato a luglio alla Cavese e ora smistato in prestito alla Battipagliese. E a dimostrazione che si guarda avanti anche senza Botta, oggi la Juniores ha superato la capolista del girone D Buccino per 4-2 grazie alla doppietta di Pontone e ai gol singoli di Avino e Veneziano, portandosi a 3 punti dalla testa della classifica, che ora vede appaiate Buccino e Salernum.