UNISA, ricerca sui tumori finanziata dagli States

La lotta ai tumori passa dall’Università di Salerno e viene finanziata dagli States. C’è una spin-off, nata da un gruppo di ricerca di Medicina, che partendo dallo studio di una particolare proteina, ha sviluppato un anticorpo in grado di arginare alcuni tipi di carcinoma. E a breve la sperimentazione potrebbe essere avviata sugli esseri umani. Un progetto molto ambito, al punto da essere finito all’attenzione di due fondi americani, che hanno deciso di investire una cifra pari, in totale, a 16 milioni di euro. La collaborazione tra l’azienda biotech Dauntless della California e la Biouniversa, spin-off dell’ateneo di Salerno, ha dato vita a IntrepidaBio, che ha l’obiettivo di sviluppare una cura contro il cancro ed altre patologie. A promuovere lo studio, il team dell’Unisa guidato dalla docente Maria Caterina Turco, ordinaria di Medicina. IntrepidaBio (gestita da Joel F. Martin, e Olivier Laurent) ha acquisito i brevetti di Biouniversa e si occuperà di effettuare le nuove analisi precliniche e cliniche, che serviranno a creare una linea di farmaci innovativa, con cui puntare a combattere patologie soprattutto di tipo oncologico.

FONTE LA CITTA’