Un pensiero per le vittime del terremoto, “accesso al Cimitero comunale” lo scrive la Lega Baronissi

3

Riceviamo e pubblichiamo

Oggi per la nostra comunità, come per la Campania intera è la giornata del silenzio e del
cordoglio per il terremoto che, ormai quaranta anni fa, distrusse vite, rivoluzionò modi di
pensare e concepire l’esistenza stessa.

Una tragedia per le nostre comunità, destabilizzante come lo è oggi questo infame virus.

Proprio sul filo conduttore di questo dolore che noi Lega Baronissi, senza nessuna nota polemica ma nel rispetto di uno spirito di collaborazione costruttiva, suggeriamo al signor Sindaco e all’Amministrazione tutta, di rivalutare la decisione sull’accesso al Cimitero comunale disposta con ordinanza n. 92 del 19.11.20202, consentendo l’accesso senza
suddivisione per cognome o, in alternativa, aprendo il cimitero anche nel fine settimana, con una modulazione degli ingressi che consenta l’accesso almeno in due giorni settimanali, permettendo così, anche a coloro che lavorano durante la settimana, di potersi recare al cimitero il sabato o la domenica.

Come è stato ampiamente constatato, il Cimitero non è un luogo di assembramenti, Specie in questo periodo si rileva un luogo a bassissima frequentazione e quindi non può rivestire fonte di contagi.

Tuttavia, è un luogo in cui tanti sentono il bisogno di recarsi per pregare per i loro cari e per dare un senso di continuità a quel legame che il destino ha prematuramente spezzato.
Una richiesta, la nostra, che ci auguriamo, oggi più che mai venga ascoltata.

Segretario cittadino Lega Baronissi Responsabile organizzativo Lega Salerno
Dott. Antonio Siniscalco