Terremoto, in settimana la partenza dei primi volontari

Ciò che manca ancora: teli da copertura, stendibiancheria, buste del formato maxi per i rifiuti e scope adibite alla rimozione dell’acqua

È tutto pronto nelle cittadine dell’agro per la partenza dei pacchi di generi alimentari e non destinati alle popolazioni terremotate di centro Italia. La macchina della solidarietà civile, che in questi giorni ha affiancato quella religiosa che già sta operando nelle zone colpite dal sisma, è pronta a donare ciò che ha ricavato in queste giornate di raccolta, e un gruppo di volontari è già pronto per portare il proprio aiuto ad Amatrice, Arquata, Accumuli e i tanti altri in cui c’è necessità.

Ieri sera, attraverso un incontro tecnico organizzativo, il nuovo punto della situazione: ciò che manca ora riguarda teli da copertura, stendibiancheria, secchi, buste del formato maxi per i rifiuti e scope adibite alla rimozione dell’acqua. Presenti al vertice paganese Progetto Comune, Progetto Comune Sant’Egidio, Legambiente Pagani, la Nuova Pro Loco Pagani e le associazioni Koru e Una Pagani Migliore.

“La rete di associazioni che, coadiuvata dalla Protezione Civile – si legge nel comunicato stilato al termine dell’incontro – sta promuovendo la raccolta solidale in favore delle comunità vittime del terremoto della scorsa settimana ha tenuto, quest’ oggi, un briefing tecnico-organizzativo in vista della prima spedizione di generi necessari alle popolazioni colpite e per tracciare il percorso da seguire nelle prossime settimane di emergenza. È notevole e degno di encomio il contributo che, in questi giorni, proviene da cittadini, organizzazioni sociali ed imprenditori per questa onorevole mobilitazione solidale. Vi è un costante e continuo contatto con i nostri rappresentanti presenti sui luoghi del sisma e nelle tendopoli allestite. Da questo emerge la impellente e prioritaria necessità di teli da copertura, stendibiancheria, secchi, buste del formato maxi per i rifiuti e scope adibite alla rimozione dell’acqua. Le previsioni meteo, nella zona colpite, segnalano fenomeni piovosi nell’arco della prossima settimana. Dato, questo, che rende maggiormente urgente, la richiesta di quanto indicato. Raccomandiamo a tutti coloro che stanno donando beni da devolvere, di farlo in maniera mirata ed efficace, preferendo quindi la donazione di prodotti a lunga scadenza (anche estesa oltre l’anno 2016) e, nei casi di donazione di pasta, prediligere i formati “corti” e della stessa marca. Occorrono, dalle ultime stime che giungono dai volontari, almeno 30 Kg di pasta, dello stesso formato.

Nell’ arco della prossima settimana, una prima squadra di volontari è pronta a partire alla volta dei comuni colpiti. Da loro, quindi, giungeranno nuove e più dettagliate indicazioni utili per continuare la raccolta in modo ancor più efficace ed efficiente. Insieme agli uomini, sono pronti a partire anche i mezzi messi a disposizione da Progetto Comune che, dopo un resoconto ufficiale delle richieste che giungono da Rieti, provvederanno a trasportare i beni di prima necessità fino a destinazione.

Continuiamo questa straordinaria opera di solidarietà con lo spirito di unione e di altruismo verso i nostri connazionali in difficoltà, che solo un grande popolo come quello paganese, campano ed italiano in generale può rendere possibile”