Il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, auspica che nel prossimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ci sia il via libera allo sport amatoriale già da metà giugno.

«Mi auguro nel prossimo dpcm si possa aprire tutta la parte dello sport che è ancora ferma, quella amatoriale e di base, dalle partite di calcetto ai saggi di danza – ha affermato il ministro pentastellato – Se la curva del contagio continuerà a scendere credo che tutto ripartirà dal 15 giugno».

Inoltre, Spadafora, in una diretta Facebook sulla propria pagina ufficiale, anticipa che: «La riforma dello sport andrà in consiglio dei Ministri prima di agosto. Il mondo dello sport, e i suoi lavoratori, va assolutamente riformato, a prescindere dall’emergenza. È mio dovere assicurare a questo mondo tutte le tutele che finora non ci sono state. Il Coni e il Cip interverranno con un contributo di cinque milioni ciascuno alle ASD e alle SSD, di questo ringrazio i presidenti Giovanni Malagò e Luca Pancalli». Infine, il ministro ha assicurato che al ministero stanno lavorando al bando “Sport e Periferie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA MN24