Spal-Juventus 1-2, i bianconeri tentano un nuovo allungo

Efficace, a tratti perfino bella, ma soprattutto sciolta e veloce nel manovrare, la Juventus non è ancora la migliore possibile, ma prende le distanze da quella di Verona e anche da quella vincente, ma balbettante, di domenica scorsa contro il Brescia. A tre giorni dalla sfida di Champions contro il Lione il successo contro la Spal è un confortante segnale di crescita. Rimane l’esiguità del risultato e dello scarto, ancora una volta minimo, ma allo smilzo 2-1 vanno aggiunti un palo interno pazzesco di Dybala e una traversa di Ronaldo. Come dire che questa volta c’entra anche un po’ la sfortuna. E non sono mancate le occasioni, spesso costruite bene, con inserimenti cercati, schemi rapidi, molto arrosto e poco fumo sulla trequarti. A segno Ronaldo nel primo tempo e Ramsey nel secondo, la Spal è tornata in partita col rigore realizzato da Petagna.