Sentenza del Tar Campania, il Codacons esulta per la vittoria: “Si torna a scuola”

7

Gli avvocati Laura Clarizia e Matteo Marchetti, vice segretario nazionale Codacons, in una nota stampa dichiarano: “L’istanza cautelare, del Codacons ma anche di diversi genitori in rappresentanza di decine e decine di altri da noi rappresentati che ci hanno contattato e hanno formato dei gruppi molto estesi tra le diverse province, inoltrata al Tar di Napoli, non è contro coloro che sono favorevoli alla Dad, non è uno scontro tra chi vuole tornare a scuola e chi no, ma è stata un’istanza volta ad annullare provvedimenti illegittimi, atti posti in essere consapevolmente il sabato per il lunedì, il Tar Campania non ha decretato su chi è favorevole o contrario ma ha compiuto una scelta di diritto (come e’ ovvio che sia!) perché i decreti legge e i dpcm sono stati emanati a loro volta nel rispetto dei dati scientifici.

Ma soprattutto nel rispetto della costituzione, i servizi essenziali come l’istruzione sono di
competenza dello stato centrale.

Ha decretato inoltre sulla base anche dei piani di trasporto dei prefetti pronti gia’ da quindici giorni e sui quali la regione ha taciuto.
Finalmente:

  • 1) Si e’ affermata la centralita’ del diritto allo studio e alla frequenza scolastica.
  • 2) Vi e’ stata l’affermazione della prevalenza dello stato nella determinazione dei livelli minimi di servizio pubblico essenziale che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale.
  • 3) Questa sia il presupposto per una battaglia culturale per la valorizzaione della comunita’ scolastica perche’ la scuola e’ l’unico luogo in grado di far emergere nella vita e nel lavoro i nostri ragazzi”.