Scuola – UGL Giovani Caserta: “Siamo preoccupati, mancano le soluzioni per la ripresa”

“Sono preoccupata per il destino degli studenti della provincia di Caserta che auspicano il ritorno alla normalità, nel rispetto delle indicazioni e delle misure di sicurezza, volte alla prevenzione dei contagi, causa emergenza sanitaria SARS-CoV-2”.
È quanto ha dichiarato questo pomeriggio neo responsabile della Ugl Giovani Caserta Annabella D’Angelo.
“L’inviolabile diritto costituzionale allo studio, viene mortificato dalla mancanza di soluzioni concrete e praticabili per l’imminente nuovo anno scolastico, la didattica a distanza che ha permesso di gestire la prima emergenza non può più essere considerata una soluzione adeguata, soprattutto per i meno abbienti che non sempre sono in possesso di strumenti personali tecnicamente avanzati. Per questo motivo – ha chiosato la sindacalista – proponiamo l’utilizzo degli stabili caduti in disuso la cui proprietà è riconducibile agli enti locali. Se gli stessi fossero anche di interesse storico si concretizzerebbero poi molteplici effetti positivi: si consentirebbe il distanziamento sociale, sarebbe possibile ripartire in serenità, verrebbero ristrutturati beni culturali fatiscenti ed agli stessi avrebbero accesso interessati studenti”.

“Su questa proposta – ha concluso D’Angelo – chiediamo la confluenza a tutti i movimenti giovanili del territorio, ai genitori ed agli addetti ai lavori”.