Scafati Sviluppo: “Chi pensa agli imprenditori?” – Le preoccupazioni di IpS

Scafati. All’indomani del Consiglio comunale tenutosi ieri 23 gennaio, una nota stampa di “Insieme per Scafati” fa il punto sulla Scafati Sviluppo s.p.a.

Nel Consiglio Comunale di ieri ritornava all’esame del consesso la Delibera sulla ricognizione delle società partecipate dal Comune di Scafati, delibera già bocciata il 30 Dicembre, a seguito della contestazione da parte di INSIEME PER SCAFATI della mancata individuazione, tra le società, di Scafati Sviluppo s.p.a..

Ieri la maggioranza, pur dando atto dell’esistenza di tale società – che sia pur fallita, è ancora a tutti gli effetti al 100% di proprietà del Comune di Scafati – non ha ritenuto di doverne approvare gli atti ricognitivi e la relativa modulistica come previsti dalla Corte dei Conti.

Sicuramente, aldilà di queste considerazioni apparentemente solo tecniche, denunciamo un atteggiamento approssimativo e superficiale dell’Amministrazione verso le problematiche di Scafati Sviluppo s.p.a. e degli imprenditori che hanno investito nell’area ed ora stanno affrontando una situazione complessa legata al fallimento.

Siamo fortemente preoccupati per gli imprenditori e per il futuro dell’area.
Come prevede la legge fallimentare, gli organi di Amministrazione della Scafati Sviluppo s.p.a., ed in particolare il legale rappresentante, sono titolari di funzioni e di compiti specifici, aldilà di quelli che la legge riserva al curatore fallimentare.

La società e chi la rappresenta hanno il diritto/dovere di seguire gli atti della procedura, anche nell’interesse del socio Comune di Scafati, continuando a rappresentarla per tutti gli aspetti non affidati alla gestione patrimoniale del curatore.

La sensazione che abbiamo avuto, confermata nel corso del Consiglio Comunale di ieri, è che ciò non stia avvenendo ovvero che vi sia un’omissione nello svolgimento dei compiti del legale rappresentante di Scafati Sviluppo s.p.a., del socio Comune di Scafati e nella puntuale informazione al Consiglio Comunale sull’andamento della procedura.

Dobbiamo anche segnalare come già avvenuto ieri in consiglio comunale, che da visura camerale attuale, depositata agli atti del Consiglio, il legale rappresentante della società SCAFATI SVILUPPO s.p.a. risulta il Consigliere Comunale Alfonso Di Massa, per il quale abbiamo chiesto, agli organi preposti ed in primis alla segretaria comunale di verificare la sussistenza di eventuali cause di incompatibilità tra i due ruoli.”