Scafati, Aliberti: “Dateci la piazza, organizziamo noi il concerto del 2 gennaio”

Scafati. Un implacabile Pasquale Aliberti continua ad attaccare con una certa vena ironica l’Amministrazione Salvati circa la programmazione natalizia.

Dopo il video in cui appellava i governanti “incompatibili” e “bugiardi”, dopo che con fare da smargiasso aveva messo a disposizione ventimila euro (cifra di cui sarebbe creditore dall’Ente) per le feste natalizie, a patto che sindaco e assessori facciano a meno di due mesi di compenso, continua nelle sue proposta e rilancia: “Domani protocollero’, via pec, la richiesta per avere, a titolo gratuito, piazza V. Veneto per organizzare, insieme ad altri amici che vogliono regalare una serata di gioia agli scafatesi, il concertone del 2 gennaio con un cantautore di fama nazionale: i soldi, con sacrificio, li mettiamo noi“, scrive l’ex sindaco sul suo profilo Facebook.

Avevate promesso avreste dato il vostro contributo per la rassegna di Natale. Invece, avete solo elemosinato alberi di natale, palline e stelline senza deliberare un euro dal Peg delle indennità di carica. Oltre €300 mila che paghiamo annualmente a voi che dovreste amministrare Scafati: basta con le inaugurazioni di alberi di Natale privati. Ripristinate almeno la pubblica illuminazione“, conclude il post.

Difficile prevedere quanto ancora durerà la querelle tra i due “nemici” di destra, difficile anche stabilire se quella di Aliberti sia una vera proposta o una pura provocazione, e tra chi “accende” alberi in piazza e chi organizza fantomatici concerti, a Scafati va in scena lo sconcerto: quello dei cittadini.