Sarno, Mondi Inclusivi per la Giornata Internazionale della Disabilità

Il prossimo 3 dicembre, a Sarno diventa “Mondi Inclusivi” grazie all’evento del Polo Sanitario La Filanda di Sarno con l’amministratore unico Nilde Renzullo, il direttore generale Romeo Barbato in collaborazione con la Fondazione Saron. “Mondi Inclusivi” vuole promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sui temi della disabilità, sostenere la piena inclusione in ogni ambito della vita ed allontanare ogni forma di discriminazione. Un messaggio universale di abbattimento delle barriere architettoniche, dei pregiudizi e di svolta fatta di vere possibilità per tutti. Ospite speciale l’attore Gianni Parisi, che presenterà in anteprima assoluta il cortometraggio suo “Un pezzo di luna”, realizzato con e per i bambini del progetto “Insieme si può”. Alla manifestazione interverranno il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca; il sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, il presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese. Sono previsti, inoltre, interventi di Gianni Sasso, campione paralimpico di Triathlon; Alessandra Vitale, capitano della nazionale femminile di Sitting Volley ed ambasciatrice del Comitato Italiano Paralimpico; Carmine Mellone, presidente del Comitato Italiano Paralimpico della Campania; Manfredo Fucile, presidnete regionale fip; Crazy Ghosts, atleti di basket in carrozzella; Porfidio Monda, direttore di Agro Solidale; Enrico Coscioni, consigliere del presidente della Regione per la sanità
“La giornata mondiale della disabilità è sicuramente un ulteriore momento di confronto e di crescita. – ha spiegato l’amministratore Unico, Nilde Renzullo – Noi, con le attività quotidiane, insieme agli interventi sanitari, promuoviamo progetti per i diritti delle persone disabili in una società che deve sempre di più aprirsi ad opportunità e possibilità per tutti, perché nessuno resti indietro. Tra le varie progettazioni, promuoviamo lo sport quale veicolo di piena inclusione. Ricordo che il nostro palasport è accessibile a tutti e sono stati avviati diversi percorsi agonistici”. Lo sport che unisce, dunque, così come sottolinea il direttore sportivo, Simone Zulli. “Con questo evento e tutte le iniziative legate, attraverso la collaborazione delle varie istituzioni coinvolte, mettiamo in rete ogni risorsa possibile al fine di potenziare sempre più il nostro intervento a favore delle persone con disabilità. Attualmente sono a pieno regime diverse attività sportive, atte al coinvolgimento di bambini ed adulti con disabilità. Presso le strutture della nostra Polisportiva è possibile prendere parte alla pratica di basket, calcio, pallavolo tutte realtà aperte e inclusive in cui ciascuno può cimentarsi, acquisire nuove abilità e sfidare i propri limiti”. “Cerchiamo da tempo di offrire risposte innovative e concrete alle persone diversamente abili. – ha detto la psicologa, Santa Celentano- L’obiettivo è quello di agire a 360 gradi, utilizzando quindi strumenti anche apparentemente lontani dalla sanità. Dunque, un percorso di avviamento allo sport pensato per bambini e ragazzi che hanno delle difficoltà emotive, comportamentali, e progetti terapeutici integrati che mettono al centro il bambino autistico”.