Sant’Egidio, trova il compagno della ex in casa e chiama i carabinieri: “C’è un ladro”

Era tornato a casa ma ci aveva trovato un uomo in compagnia della moglie. Dopo aver perso le staffe e aggredito la donna, segnalò ai carabinieri la circostanza che in casa vi fosse un ladro per vendicarsi del nuovo compagno della ex. Per questo è stato condannato giorni fa un 39enne di Nocera Inferiore, dietro sentenza del Gup ad un anno di reclusione. Le accuse erano minaccia, lesioni personali e calunnia. I fatti risalgono al 25 luglio del 2016. L’uomo se la prese prima con la donna, aggredendola e trascinandola in cucina per i capelli. Poi afferrò un coltello e la minacciò, prendendola a schiaffi e pugni.

Il 39enne affrontò poi il nuovo compagno di lei. Anche lui fu minacciato. Afferrando il telefono, l’imputato allertò il 112 e segnalò l’uomo come un ladro che si era introdotto in casa sua. Circostanza che gli valse l’accusa di calunnia. «Mo ti faccio arrestare», gli urlò contro, pronto a riferire il falso. Con il rito abbreviato, è giunta ora la condanna ad un anno di reclusione con pena sospesa.