San Matteo, l’amministrazione sbotta: “Polemiche da paesello”

San Matteo, tra polemiche e accuse. Tra fantasie e sussurri, l’Amministrazione Comunale di Salerno scende in campo e dice la sua. “Manifestando stupore e sbigottimento per le incredibili polemiche di queste ore inerenti lo svolgimento delle celebrazioni in onore di San Matteo”, si legge in una nota.

“La responsabilità istituzionale impone di non dar seguito ad un insistente ed inutile chiacchiericcio degno, con tutto
il rispetto, di un ameno paesello degli anni 50.E’ però, a scanso di equivoci, necessario sgomberare il campo da ogni fantomatica illazione.Ogni attività dell’Amministrazione Comunale è stata sempre improntata ad un solo fine esclusivo: difendere le consolidate tradizioni tanto care al Popolo Salernitano.Con l’Autorità Ecclesiastica esiste un clima di rispettoso dialogo e confronto franco per onorare al meglio il Santo Patrono valorizzando sia l’elemento religioso che quello civile.S tupisce che taluni fingano di ignorare quel che i salernitani amano e vogliono, alimentando un clima di tensione del tutto stonato riguardo al clima di condivisione comunitaria che il Comune intende stabilire e  praticare.Il tutto sempre nel rispetto degli orientamenti della Curia ma anche della Storia e delle Tradizioni di Salerno che sono radicate nell’animo del nostro popolo”, conclude la nota.