Salernitana-Spezia 1-0: Bocalon e poco altro

Sotto lo sguardo particolarmente attento di Lotito, la Salernitana vince ma non convince. Meno male che Bocalon c’è. L’attaccante che doveva andar via, regala altri tre punti alla Salernitana, mostrandosi spietato nel battere Lamanna sulla respinta sul tiro di Mazzarani, azione iniziata da un sontuoso Mantovani, che vince il duello a distanza con Capradossi, altro talento cresciuto nella Roma. L’espulsione sciocca di Bartolomei, che in precedenza aveva impegnato da calcio franco Micai, sembra poter spianare la strada ad una gestione in scioltezza dei granata nel secondo tempo. Invece accade il contrario, pur con tutte le scusanti del caso, ovvero le tante assenze (in particolare quella di Di Gennaro in mezzo al campo, oltre a quelle in extremis del guerriero Odjer e del capitano Schiavi), la Salernitana timorosa di Colantuono lascia spazio e inerzia al bel gioco a due tocchi dello Spezia di Marino, che diventa squadra padrona, paradossalmente padrona con l’uomo in meno. L’occasione più pericolosa in assoluto sarà l’incrocio dei pali colpito da Galabinov ma le occasioni per far male sono state molteplici, spesso sventate dalla tenuta di un trio di difensori centrali dal rendimento superiore, con Mantovani una spanna su tutti. Niente ripartenze e tanta paura. Salernitana bloccata e spesso senza idee. Però chi vince ha ragione. E la Salernitana, tornata a vincere, ha ragione 20 volte, quanti sono i punti in classifica. Ma per puntare a grandi tragurardi, come da intenzioni di Lotito e Mezzaroma, occorre innalzare la qualità della manovra e cercare di incidere di più con gli attaccanti.

Salernitana (3-5-2): Micai 6, Mantovani 7,5  Migliorini 7, Gigliotti 6,5 ; Casasola 6,5, Castiglia 5.5 (30′ st Palumbo sv) Di Tacchio 6, Mazzarani 6 (38′ A. Anderson sv), Vitale 6; Bocalon 6,5. Jallow 5  (9′ st Djuric 5). A disp  Vannucchi, D. Anderson, Pucino, Bellomo, Orlando, Vuletich, Lazzari. All. Colantuono

Spezia (4-3-3): Lamanna 6; De Col  6 (37′ st Vignali sv), Terzi 6 Capradossi 6,5, Augello 6,5; Bartolomei 4, Ricci 6,5, Crimi 6,5 (33′ st Maggiore sv); Okereke 6,5, Galabinov 6,5, Pierini 5,5 (12′ st Bidaoui 6,5) A disp: Manfredini, Barone, Crivello, Giani, Mora, Gudjiohnsen, De Francesco, Bastoni, Bachini. All. Marino

Arbitro:  Dionisi de L’Aquila 5,5

Rete: 15′ pt Bocalon

Note: spettatori circa 9000. Espulso al 44′ pt Bartolomei per proteste. Ammoniti: Bocalon. Recupero: 2’pt, 4’st