Rilancio del turismo, D’Avenia: “Weekend gratuiti per aiutare tutto il comparto turistico campano e riscoprire le bellezze del nostro territorio”

4

Tra gli effetti economici più immediati della crisi associata al Covid-19 era inevitabile, e anche prevedibile, un brusco calo al settore turistico che, in questa atipica estate 2020, sta attraversando una crisi senza precedenti.
Chiusura delle frontiere, limitazioni alla mobilità e riduzioni delle offerte ricettive e di trasporto entrano inevitabilmente in contrasto con lo spirito e la natura del turismo, tanto da essere destinate a provocare una crisi senza precedenti in tutto il settore, che nel 2019
ha contribuito al 13% del PIL italiano garantendo inoltre un posto di lavoro a 3,5 milioni di persone.

Nella regione Campania, dove il turismo rappresenta una delle industrie cardine dell’economia, le misure di contenimento anti-Covid e l’innalzamento del numero di casi dell’ultimo mese rischiano di creare un vuoto economico enorme, il cui risanamento è destinato a richiedere diversi anni.

Per tale motivo, Giovanni D’Avenia, vice Segretario regionale Centro Democratico e candidato alle prossime elezioni regionali nella lista “Centro Democratico – De Luca Presidente”, propone la realizzazione di un bando a sostegno del capitale circolante delle imprese ricettive colpite dall’emergenza sanitaria come aiuto concreto e celere:

«Bisogna aiutare le imprese ed i lavoratori a superare questa difficile fase attraverso il rilancio del turismo offrendo weekend gratuiti – esordisce -. Attraverso un bando ad hoc, infatti, la Regione Campania potrà mettere in campo un sostegno concreto e diretto per il settore maggiormente colpito dal Covid-19 che, dopo il periodo di lockdown, ha registrato rilevanti problemi per la ripartenza».

Un progetto, quindi, che consentirà la valorizzazione degli splendidi territori e della filiera enogastronomica e culturale campana in cui verranno individuate tutte le strutture ricettive che dovranno ospitare i turisti che, per poter usufruire all’offerta, dovranno registrarsi su
un’apposita piattaforma.

«In questo modo, i comuni della Costa Cilentana e Amalfitana, nonché del golfo di Policastro e dell’entroterra del Cilento, riusciranno a realizzare una vera e propria rete per lo sviluppo di nuovi segmenti turistici come quello escursionistico e naturalistico. Sarà
un’opportunità per riscoprire la nostra regione e i luoghi incontaminati della nostra terra attraverso escursioni e visite guidate».