Realtà possibile: un Salone del Libro a Cava de’ Tirreni

Dal Complesso Monumentale del Monastero di San Giovanni a Cava de’ Tirreni, parte il rilancio dell’idea di Claudio Bartiromo della Einaudi di Nocera Inferiore, di promuovere Il Salone del libro nella cittadina cavese con l’adesione del Vice-Sindaco con delega alla cultura, Armando Lamberti.

 Nella cittadina campana caratterizzata dalla presenza di portici, sotto i quali esercizi commerciali di ogni genere si susseguono numerosi, e dove ha luogo quello che un tempo si definiva “lo struscio”, ossia la passeggiata serale durante la quale ci si intratteneva con gli amici nel rituale che ancora oggi si ripete immutato, è da poco terminata La Primavera Einaudi – Incontri con l’Autore nel suddetto complesso, ubicato proprio nel centro della città.

Il Complesso Monumentale, considerato il posto ideale per lo svolgimento di quello che sembra essere un progetto ambizioso, è stato riaperto al pubblico nel 2017, grazie all’utilizzo dei Fondi Più Europa, che hanno reso possibile la trasformazione del luogo in un rinomato centro culturale dove poter disporre di spazi idonei ad accogliere mostre e qualsiasi altra iniziativa di interesse culturale.

La struttura dispone, al suo interno, di una corte aperta dove la presenza di spazi verdi ha reso ancora più suggestivi gli allestimenti studiati per specifiche occasioni.

Risale al 1600 la realizzazione del Complesso e in origine ospitava un monastero di clausura (nello specifico l’ordine delle clarisse animava gli spazi), successivamente saccheggiato dai francesi nel 1799, quando invasero il territorio.

Nel 1886 il Monastero accolse le Suore della Carità che attivarono l’asilo infantile che registrò la presenza di generazioni di cavesi, fino al terremoto del 1980 che richiese la nuova messa in sicurezza della struttura.

Attualmente il Monastero è divenuto uno dei luoghi dove il fermento culturale attivo in città ha modo di esprimersi al meglio, e speriamo possa, nel più breve tempo possibile, trovare sostegno negli editori delle diverse realtà interessati alla promozione della lettura di autori vecchi e nuovi, perché i libri sono da sempre straordinari compagni di avventure.