Raid in galleria Umberto I: ritrovato dai carabinieri l’albero “dei desideri”

Lo scempio si è puntualmente ripetuto. Vandalizzato a Napoli l’albero di Natale allestito all’interno della Galleria Umberto I. Questa volta è durato appena tre giorni. Ignoti sono entrati in azione la notte scorsa, rubando l’albero “dei desideri” e danneggiando la pavimentazione. Questa mattina i carabinieri lo hanno ritrovato in via Santa Maria Ognibene, nella zona delle cosiddetta “parrocchiella”.

“Le babygang hanno portato via l’albero dei Desideri – aveva denunciato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – danneggiando anche i rosoni e i marmi della Galleria Umberto I, visto che hanno usato usando seghe e martelli tagliare il tronco. Per 5 notti ci siamo dati i turni con alcuni volontari e cittadini per evitare che fosse vandalizzato. Purtroppo nella notte dei raid nessuno poteva essere presente in Galleria e subito le piccole bande di delinquenti sono entrate in azione. Se ci fossero stati i cancelli che chiediamo vengano istallati da anni non sarebbe successo nulla. I protagonisti di questo ennesima sfida alla città sono probabilmente sempre gli stessi. Ragazzini organizzati in piccoli gruppi di delinquenti, figli di pregiudicati e camorristi che probabilmente non vanno a scuola perché i loro genitori si disinteressano al loro destino o stanno in galera. E’ anche il fallimento del sistema sociale che permette a dei ragazzini di crescere in famiglie di criminali, di evolversi come teppisti, di guidare scooter al 13 anni, di non andare a scuola, di non essere sottratti a famiglie di delinquenti, di girare per strada alle 4 di notte senza che nessuno li fermi. Purtroppo questo fallimento era annunciato e previsto. Noi insistiamo nel chiedere riforme durissime che prevedano la revoca della genitorialità alle famiglie dei criminali per salvare migliaia di ragazzini da un destino segnato e infame e levare delinquenti dalle nostre strade ma per ora i passi fatti in questa direzione sono davvero pochi”.