Portici, al via la “Tre giorni in Villa” Fernandes

Innovazione e cultura per valorizzare il bene confiscato alla camorra

Al via da oggi alle 18, con la presentazione della nuova applicazione (disponibile su app store e piattaforma android) della Protezione Civile “io con Portici”, la “tre giorni in Villa” Fernandes.

L’iniziativa, organizzata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili, è tesa a valorizzare il bene confiscato alla camorra e restituito alla fruizione pubblica dopo la riacquisizione al patrimonio comunale.

Parteciperà all’inaugurazione il sindaco Nicola Marrone, mentre l’assessore alla Protezione Civile ed Innovazione Tecnologica, Stefano Meo, illustrerà i contenuti ed il funzionamento dell’app, che consentirà il collegamento diretto ed istantaneo tra cittadino e amministrazione. Sarà ad esempio possibile richiedere e ricevere assistenza, anche attraverso un meccanismo di georeferenziazione gestito in tempo reale dal terminale del centro operativo della Protezione Civile. Il cittadino potrà inoltre accedere a tutte le informazioni del Piano di Emergenza Vesuvio e ricevere le comunicazioni dall’Amministrazione comunale sulla propria casella di posta elettronica.

Interverrà, a tal proposito, il comandante della Polizia Municipale, nonché dirigente alla Viabilità ed alla Protezione Civile, Gennaro Sallusto, per illustrare  le iniziative messe in campo in linea con gli ultimi aggiornamenti del Piano Nazionale Emergenza Vesuvio.

È invece in programma per domani una mostra fotografica dal titolo “Onde Sismiche: luci ed ombre di Periferia”, ad opera del giovane fotografo porticese Andrea Sarno, con testi di Dario Striano, che racconta le zone periferiche di Portici e della provincia di Napoli. Si tratta di una raccolta di 12 scatti che raffigurano stereotipi, tradizioni e storie del vesuviano.

In chiusura il Forum dei Giovani di Portici, che sabato presenterà l’evento ARTicolo9, una mostra alla quale sono stati invitati tutti i giovani artisti del territorio.