Pinocchio scandaloso: statua “superdotata” evirata dal comune

Si tratta di un’opera dell’artista Francesco Battaglini la cui idea è stata quella di mostrare i 7 peccati capitali e le 4 virtù cardinali con le vesti del burattino più burbero dei racconti fiabeschi per bambini: Pinocchio. Per rappresentare la “Lussuria”, titolo di una delle sue opere, il noto burattino è stato “dotato” di dimensioni alquanto notevoli, e non stiamo parlando del suo naso. Già, perché la statua è stata collocata nel comune di Casole d’Elsa, in provincia di Siena, proprio nei pressi di una scuola elementare. Le proteste dei genitori dei bimbi che, ogni mattina, hanno potuto ammirare il “super Pinocchio” sono arrivate immediatamente, gridando allo scandalo unite e compatte. Il sindaco del comune di Casole d’Elsa, Pio Pii, non ha potuto far altro che correre ai ripari: la statua non è stata rimossa bensì evirata, “smussando” il particolare osceno che ha creato scalpore tra la cittadinanza. Il progetto dell’artista Battaglini era stato accordato col comune ma, successivamente alla mutilazione della sua creazione, lo stesso ha commentato così l’accaduto: “Mai mi sarei sognato una reazione simile. Questo lavoro serviva per mostrare ciò che, secondo me, è l’uomo, fatto di pregi e difetti, raccontato in modo ironico da un burattino irriverente che non teme di mostrarsi per ciò che è, perché lui è puro, nel bene e nel male”.

Assunta Rossi