Piano di Zona S1, la voglia e la necessità di andare oltre agli acconti

Qualcosa si muove, sia pur lentamente. Da indiscrezioni trapelate nelle scorse ore, sembra che per il futuro il comune capofila, cioè Nocera Inferiore, tenterà di non limitarsi più a pagamenti che sono solo acconti sulle cifre destinate a chi opera al servizio del Piano di Zona e quindi al servizio della fasce deboli della popolazione, anzi delle popolazioni. I pagamenti a singhiozzo, appunto gli acconti di tanto in tanto erogati rispetto all’importo complessivo di prestazioni da pagare, non risolvono il problema serio. Chi da sempre ha a che fare con le problematiche in questione – assessori ma anche operatori passando per funzionari – e quindi una situazione gestita male nel recentissimo passato – partendo dagli altri comuni che fanno parte del Piano – si augura a il comune capofila riesca a scegliere la strada giusta, accelerando tempi e termini di pagamento.