Pagani. Calce e Sessa chiedono lumi sul trasferimento OSL del Fondo Cassa

9

Sono i consiglieri comunali Vincenzo Calce e Anna Rosa Sessa a chiedere al Presidente del Consiglio Comunale delucidazioni sul trasferimento alle competenze OSL del Fondo Cassa al 31.12.2019. Interrogazione a risposta scritta art.15 regolamento Consiglio Comunale.

Ecco la nota:

PREMESSO CHE: L’Organo Straordinario di Liquidazione con la Delibera n. 16 del 23.12.2020 ha chiesto, al Responsabile del Settore Finanziario, di trasferire – con urgenza

  • alle casse della OSL il Fondo cassa risultante al 31.12.2019 pari ad € 7.080.076,26 nonché di trasferire, sempre alla cassa della OSL, tutti “gli importi relativi a tributi e tasse incassati nell’esercizio 2020 ma incidenti imponibilmente negli anni a tutto il 31.12.2019”;
  • tale richiesta determina il trasferimento di somme (alla competenza Cassa OSL) pari a circa 8 MLN di euro (se non di più) che, di fatto, annullano ogni disponibilità di cassa per le ordinarie attività dell’Ente (ivi compreso il pagamento di spese a destinazione vincolata incassate nel 2020 per attività di competenza 2020) e, soprattutto, smentiscono quanto la notizia di una cassa dell’Ente pari a circa 9 MLN di euro;
  • detta richiesta, unita ai contenuti della Delibera OSL n. 15 del 09.12.2020 riferita alle attività eseguite da GESET SRL in termini di recupero delle entrate pregresse, smentisce quanto sostenuto in risposta a nostra precedente interrogazione consiliare finalizzata a dichiarare “l’incompetenza (legittimazione attiva) dell’Ente nella riscossione della TARI pregressa 2015/2017 (attività invece disposta dall’Ente)” e “l’inutilizzabilità di dette entrate per le attività ordinarie dell’Ente”;

CONSIDERATO CHE

  • a nostro giudizio la richiesta della OSL è infondata  nella determinazione del quantum di cassa a trasferirsi in quanto non tiene conto delle somme a destinazione vincolata comprese nel fondo cassa al 31.12.2019 e in quanto nella procedura determinativa viola le modalità espressamente codificate dalla norma in vigore (art. 6° comma 2° DPR 378/1993), utilizzando, invece la situazione di cassa trasferita dal Tesoriere Comunale che è atto privo di valore probante ai fini che interessano la Cassa da trasferire alla OSL, ma non è stata mai contestata dai competenti uffici dell’Ente i cui Responsabili, peraltro, costituiscono (anormalmente se non illegittimamente) l’ufficio di supporto alle attività della OSL;
  • è abbondantemente trascorso il termine indicato dalla OSL per adempiere alla richiesta formalizzata con Delibera n. 16/2020 del 23.12.2020;

TANTO PREMESSO ED EVIDENZIATO SI INTERROGA

il Sindaco, anche quale detentore della delega al Bilancio ed alla Programmazione Finanziaria, per sapere:

  1. a) se il Responsabile del Settore Finanziario ha adempiuto alla richiesta formalizzata dalla OSL con la delibera n. 16/2020 del 23.12.2020 e, in caso affermativo, quali importi ha trasferito ovvero, in caso negativo, per quali ragioni;
  2. b) quale è la consistenza attuale della Cassa comunale alla data del 11.01.2021;
  3. c) quale è l’importo incassato, nell’anno 2020, per tributi – tasse ed entrate varie i cui prodromi imponibili ricadono nel periodo temporale a tutto il 31.12.2019;
  4. d) quale è l’importo dei fondi trasferiti dallo Stato, nell’anno 2020, in surplus rispetto ai trasferimenti consolidati, aventi destinazione vincolata;
  5. e) quale è l’importo dei fondi di cassa vincolati alla data del 31.12.2019 e quanti di tali fondi sono stati eventualmente pagati nel corso dell’esercizio finanziario 2020;
  6. f) se ritiene legittima,la richiesta della OSL e, soprattutto, come intende fronteggiare – laddove trasferiti i fondi di cassa spettanti alla OSL – la situazione negativa che si verrà a creare per garantire l’assolvimento delle funzioni fondamentali dell’Ente ovvero il pagamento delle somme necessarie per assicurare detto assolvimento a partire dagli emolumenti al personale in organico ed ai canoni dei servizi esterni affidati;

I Consiglieri Comunali Vincenzo Calce – Anna Rosa Sessa