Paganese, pari col Matera, carattere con l’uomo in meno

Partita dalle emozioni infinite, più partite nella stessa partita. L’Inizio della Paganese è da incubo. Il Matera passeggia e segna due volte, prima va in gol Risaliti, dopo raddoppia Tricarico. Primo gol, sugli sviluppi di un corner, palla per il solitario Risaliti, sfera che tocca i due pali ed entra in rete. Secondo gol, Sepe serve Triarico che crossa per Scaringella e poi Ricci che con una spettacolare rovesciata trova la pronta risposta di Santopadre, sulla respinta Triarico insacca. Tutto compromesso, almeno all’apparenza. Tra un gol e l’altro, c’era stato anche il palo di Triarico. Azzurrostellati incapaci di difendere e di arginare.  Dopo una ventina di minuti nei quali la Paganese si dimentica di essere in campo, favorendo un monologo lucano che consente alla truppa di Imbimbo di portarsi sul doppio vantaggio, ecco la reazione giusta. L’uomo chiave è Cesaretti, accorcia le distanze di testa sugli sviluppi di un corner. Ultima parte di frazione giocata in modo equilibrato, Nella ripresa, ecco il carattere che De Sanzo voleva. Pur in 10 per l’espulsione di Diop per fallo da ultimo su Corado e pur rischiando di beccare il terzo gol sull’occasione sprecata da Scaringella su respinta di Santopadre del tiro di Stendardo su punizione, la Paganese trova la forza di pareggiare con Piana, bravo a trafiggere di testa Farroni sugli sviluppi del calcio piazzato di Scarpa, riesce persino a sfiorare la vittoria con lo stesso Scarpa, che calcia di poco alto sul cross di Carotenuto respinto dalla difesa avversaria, e a stringere i denti fino alla fine, opponendosi al forcing di un Matera che mette l’ultimo brivido a Santopadre col solito Triarico.

PAGANESE: Santopadre 6; Tazza 6, Piana 6,5, Diop 5, Della Corte 6; Carotenuto 6 Sapone 6, Gori 5,5 (59′ Punzi 6); Scarpa 6,5; Parigi 6 (73′ Cappiello sv), Cesaretti 7. A disposizione: Galli, Cappa, Gaeta, Garofalo Della Morte, Amadio, Alberti, Longo, Gargiulo. Allenatore De Sanzo.

MATERA: Farroni 6; Risaliti 6,5 Stendardo 6,5, Auriletto 6, Sepe 6; Triarico 6,5, Grieco 6 (86′ Garufo sv), Ricci 6 (74′ Casiello sv); Bangu 5,5 (65′ Dammacco 5,5); Scaringella 6 (74′ Galdean sv), Corado 7. A disposizione: Guarnone, Milizia, Corso, Lorefice, Sgambati. Allenatore: Imbimbo.

ARBITRO: Pirrotta di Barcellona Pozzo di Gotto

MARCATORI: 2′ Risaliti (M), 18′ Triarico (M), 26′ Cesaretti (P), 59′ Piana (P)

NOTE: Ammoniti Grieco, Bangu, Scaringella, Galdean (M). Espulso Diop (P) al 10′ st per fallo da ultimo uomo. Rec. 1’pt, 4’st.