Noel da Trieste a Camerota vince sempre, anche contro il razzismo

Noel Hitimana è il più veloce di tutti. Il ruandese riesce a non sfondare il muro dei 45 minuti e taglia per primo il traguardo della decima edizione della Corsa del Mito. La gara podistica che collega Palinuro e Marina di Camerota. Circa mille atleti si sono dati battaglia nella quindici chilometri organizzata dall’associazione Tuttinsieme. Un tripudio di pubblico e colori, condito da una giornata bellissima, complice anche il clima e il sole che ha illuminato il percorso per tutta la durata dell’evento. Ad attendere gli atleti al traguardo, i testimonial dell’evento: Sergio Brio, ex calciatore della Juventus, e Patrizio Oliva, ex pugile plurimedagliato. Alla fine l’ha spuntata Noel, quel giovane atleta africano che solo pochi giorni fa aveva già trionfato alla ‘maratona delle polemiche’. La mezza di Trieste, infatti, è finita nella bufera perchè il patron della manifestazione in un primo momento voleva vietare la gara agli atleti africani. Decisione ritirata dopo le accuse di razzismo. E gli atleti africani hanno dominato la gara. Hitimana, infatti, il 5 maggio scorso, si è aggiudicato la 24esima Trieste Half Marathon e una settimana dopo ha concesso il bis in  Cilento per vincere anche la decima Corsa del Mito. Alle sue spalle John Hakizimana che ha tagliato il traguardo in 45.31.41. Entrambi gli atleti indossavano la maglia dell’Atletica Castello. Al terzo posto, invece, Kiplimo Bonface Kimutai della Sport Project.