Nocera Inferiore – raccolta rifiuti a singhiozzo – la segnalazione

Continua a singhiozzo la raccolta differenziata a Nocera Inferiore. E’ da giorni che i residenti di alcuni quartieri si svegliano con cumuli di immondizia, depositati davanti ai portoni o lungo le strade: “Una situazione di degrado che non fa onore alla città – afferma un residente- ieri con la plastica, oggi con la raccolta della carta”. “E’ difficile camminare per strada”, chiosa qualcun altro.

Da giorni, infatti, la città è invasa dagli insetti ed in particolare dalle mosche, che per tutto il giorno ronzano in giro appoggiandosi su qualsiasi cosa, dunque anche sulle persone. Un problema che, anche negli anni passati, si è presentato, mai con le proporzioni attuali.

La causa è legata al ritardo alle disinfestazioni specifiche. S
ono già partite in alcuni quartieri le operazioni di disinfestazione, proprio come annunciato pochi giorni fa.

Ma perché è così importante effettuare per tempo le disinfestazioni, contro le mosche e contro tutti gli insetti infestanti? Perché i trattamenti, solitamente, hanno inizio dai centri di riproduzione dell’insetto, per concentrarsi successivamente sui centri d’attrazione. Altri interventi preventivi fondamentali, inoltre, sono quelli di pulizia e sanificazione dei centri di moltiplicazione come contenitori dell’immondizia, cumuli di sostanze organiche, impianti di depurazione. Naturalmente, una maggiore frequenza degli interventi – con azione ovicida, antilarvale e adulticida – riesce a colpire le mosche soprattutto nelle prime fasi di riproduzione. Per questo, se effettuate per tempo e con la giusta frequenza, le disinfestazioni riescono a cancellare completamente i focolai esistenti. Questo, per lo meno, in teoria. Nella pratica, a Nocera Inferiore tutto ciò non è accaduto quando sarebbe dovuto accadere. E il risultato è l’invasione delle mosche. Che, tuttavia, non è l’unico dei servizio di igiene urbana.