Nocera Inferiore: parcometri nuovi, in zone sguarnite e in zone dove erano andati in tilt

Fine giugno, massimo luglio e la città sarà a dimensione” parcometro rafforzato”. Spiega il sindaco Manlio Torquato: “Ringrazio Campitelli, Califano, Carpentieri, Valente, Avagliano, Contaldi e Tortora, tutti quelli che hanno lavorato per definire il tutto dopo una lunga attesa. I nuovi 30 parcometri serviranno a coprire zone mai coperte, ad esempio l’area cimitero, zona Inps , via Napoli in zona alberghiero, piazzetta via D’Alessandro e andranno a coprire degnamente aree attualmente rimaste scoperte per disservizio, mi riferisco a via Gabola, via Bosco Lucarelli, una parte di via Siciliano, via Fucilari lato trincerone e una parte di via Matteotti. Una mission per rendere più civile e fruibile la città. Per quel che riguarda in generale la situazione parcheggi in città, dico che Nocera ha aree a sufficienza, tra quelle pubbliche che gestiamo noi attraverso la Multiservizi e quelle non nostre, tipo l’area delle Ferrovie e quella privata di Piazza Guerritore. Anzi qualche area pubblica secondo me andrebbe usata di più, parlo di via Sarajevo, a due passi dal centro della città. Nocera, una ventina di anni fa, era ancora regno dei parcheggiatori abusivi. La situazione è completamente cambiata, con l’amministrazione Di Vito vi furono le prime cooperative, con Romano si cominciò l’esperienza con la Multiservizi, che gradualmente, con le ultime amministrazioni, tutto quel che è parcheggio pubblico fa parte del core businness della Multiservizi. Agevolazioni per i commercianti ? Non possiamo permetterci esenzioni orarie, ricordo in ogni caso che le tariffe applicate a Nocera sono tra le più basse in assoluto”. A precisa domanda, la risposta sull’area di parcheggio in zona Istituto Galizia: “Faremo un ragionamento in prospettiva, parte di quella zona fu destinata a parcheggio quando scattò l’emergenza di via Canale a causa del noto contenzioso, se in futuro vi sarà un’auspicata riqualificazione di quel tratto ci potrebbe essere l’abolizione del parcheggio. Così come apriremo una riflessione con il comandante della Polizia Locale Contaldi per gli ausiliari da destinare o meno alle aree pubbliche scoperte in considerazione della possibilità diversa di controllo che i nuovi parcometri consentono”. Pasquale Valente parla proprio di questo aspetto: “I nuovi parcometri col controllo da remoto consentono di avere sotto controllo l’intera situazione in città e quindi di intervenire in maniera tempestiva sui disservizi e di fare previsioni esatte sugli introiti, che a nostro avviso porteranno ad un incremento degli introiti nell’ordine di circa il 30%, circa 75mila euro all’anno, autofinanziando anche la spesa fatta per i nuovi parcometri, visto che per il noleggio dei primi 36 mesi la spesa complessiva è di 157mila euro, con opzione di trasformare successivamente il noleggio in acquisto, con garanzia di manutenzione per altri due anni, con altri 59mila euro”. Mario Carpentieri, presidente Multiservizi: “Mi piace sottolineare che i nuovi parcometri sono di tecnologia eco-sostenibile, le batterie funzionano grazie a pannelli fotovoltaici, un segnale concreto lanciato anche sotto l’aspetto dell’ambiente. Per quel che riguarda la modalità di utilizzo da parte dei cittadini, sottolineo che ci sarà finalmente la possibilità di fare a meno degli spiccioli per chi preferisce usare carte che comprendono questo tipo di servizio”.