Nocera Inferiore, Parco Fienga fuori dai piani del governo per l’immediato

Il ministro per i Beni e le Attivita’ culturali, Alberto Bonisoli, rispondendo ad un’interrogazione parlamentare, presentata dal deputato di Forza Italia Gigi Casciello sul futuro del Castello del Parco di Fienga di Nocera Inferiore ha dichiarato che “l’intervento di pulizia, consolidamento e integrazione delle murature non e’ rientrato nel novero di quelli che sono stati finanziati ed e’ stato riproposto nella programmazione triennale della Legge n.190 del 2014″. Lo ha reso noto il deputato azzurro, che nella sua interrogazione ha sollecitato il ministro che “aveva piu’ volte espresso la necessita’ e l’intenzione, di adoperarsi con il massimo impegno per intervenire a valorizzare e rendere piu’ fruibile l’immenso patrimonio culturale e artistico del Paese”. Casciello ha sottolineato: “Questo deve valere ancor di piu’ per un territorio quale quello Nocerino – Sarnese che presenta alte punte di disoccupazione, disagio civile e sociale” chiedendo “quali iniziative intenda assumere il ministro al fine di adottare politiche di valorizzazione del patrimonio artistico, favorendo gli interventi indifferibili ed urgenti di pulizia e consolidamento dei ruderi di epoca angioina”. Il ministro Bonisoli ha risposto che “c’e’ stato un sopralluogo del responsabile dell’Ufficio tecnico della Soprintendenza competente che aveva riscontrato effettive condizioni di fatiscenza di alcune strutture antiche, tanto che nella Programmazione triennale 2018-2020 la stessa Soprintendenza aveva inserito una richiesta di finanziamento di 100mila euro mirata alla pulizia dell’area a ridosso della cinta muraria del castello, interventi di integrazione di parte delle murature distaccate, consolidamento di quelle in fase di distacco”.