Nocera Inferiore: la bicicletta per una città vivibile

Passeggiando in bicicletta senza fretta, pedalando senza fretta la domenica mattina. Dall’incipit canoro, ad una realtà in crescita. Domenica 20 maggio, spazio alla quattordicesimo anno di “Bimbimbici” ed alla quarta edizione di “Primavera in Bicicletta”. Appuntamento in piazza Diaz: ore 9 raduno, ore 10 partenza. Due ore di traffico veicolare zero per le strade che fanno parte della Ztl ma anche per quelle vicine o confinanti. Due ore per bambini e genitori in bici, su un tracciato circa di 3 km da ripetere più volte, senza competizione, non in fila indiana ma scegliendosi il punto di partenza, salendo e scendendo. Le novità di quest’anno le ha illustrate per la Fiab, realtà nazionale che da 25 anni opera sul fronte della mobilità sostenibile e su quello del cicloturismo, da Peppe Senatore: “La prima novità è rappresentata da un circuito ridotto, per evitare intrusioni veicolari e per dare quindi a tutti la possibilità di divertirsi senza correre alcun tipo di rischio. La seconda è una sperimentazione che nel futuro potrà darci lo stimolo per fare qualcosa di più importante, parlo al plurale perchè c’è il sostegno, con la partnership stipulata già da anni, dell’amministrazione comunale. Si tratta dell’Anello Verde, cioè la creazione non di una pista ciclabile ma di una ciclabilità mista, in grado di riservare zone della città alla bicicletta pur in presenza di traffico veicolare. Domenica l’Anello Verde sarà, intanto, tutto per le biciclette”. Il progetto ampio l’ha confermato il sindaco Manlio Torquato: ” Crediamo nella necessità di riservare porzioni di città alla ciclabilità, pur non avendo la possibilità di creare vere e proprie piste ciclabili. Da noi è impossibile, bisogna essere realisti, ripetere quel che si fa soprattutto al nord, una cementificazione assurda, voluta a partire dagli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso, ha irrimediabilmente compromesso la totalità del tessuto urbanistico della nostra città. L’Anello verde significa per noi cominciare ad organizzare domeniche con spazio vero per chi va in bicicletta e a predisporre in generale una segnaletica in grado di favorire l’uso della bicicletta anche negli altri giorni. Su Facebook nei giorni scorsi ho provocato un’ampia discussione invitando i miei concittadini a muoversi senza macchine, concetto che ribadisco, visto che la nostra città ha una dimensione che ci consente di muoverci sulle due gambe e non per forza sulle quattro ruote. Ci sono state centinaia di proposte di rimedi o piani traffico in gran parte irrealizzabili. A proposito di traffico, via Cuomo dovrebbe riaprire per fine mese, non è la salvezza ma riuscirà a decongestionare tutto il traffico di Cicalesi e zone limitrofe”.