Nocera Inferiore: inquinamento fiume Sarno, la battaglia continua

Quanto sia scottante la questione, l’ha fatto capire Agostino Galdi, presidente del Comitato Fine della Vergogna: “Recentemente il comitato ha anche effettuato un sopralluogo a Solofra e Montoro. Abbiamo constatato aspetti negativi, inquinamento del Solofrana, ma anche positivi, ad esempio la situazione del antuario Maria S.S. Incoronata. A proposito di Solofrana, però, una volta arrivati sul posto, mentre stavamo osservando, sono giunti i carabinieri che ci hanno chiesto di andare via perché obiettivo sensibile”. La battaglia del Comitato – è stato ribadito ieri sera – andrà avanti ancora con maggiore determinazione. Pronta una richiesta di accesso agli atti al Comune di Nocera Inferiore relativa ai provvedimenti eventuali che l’Ente ha posto in essere dopo la diffida del Comitato. Una richiesta che comprenderà anche le iniziative della Regione e del  Ministero competente. Pronti, inoltre, altri esposti/denuncia destinati alle procure di Salerno, Avellino, Torre Annunziata e di Napoli. Saranno riproposti nuovamente gli striscioni d’allarme nelle zone di via Martinez, via Pucci, via Orlando, via Bosco Lucarelli, via Rea e via Astuti. La battaglia continua. Ma la vergogna finirà?