Nocera Inferiore, il passato pesante diventa futuro diverso

Legalità, sicurezza e coesione sociale in Campania: Regione approva 5 progetti nel salernitano. Da Palazzo Santa Lucia, in arrivo i fondi necessari per gli interventi
finalizzati al riuso e alla rifunzionalizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata. Si tratta di fondi del Por Fesr Campania 2014-2020. I progetti ammessi hanno un costo complessivo di 3.315.785,64 euro. Le realtà della provincia che potranno beneficiare del finanziamento sono: Capaccio Paestum per 340 mila, Nocera Inferiore, con 361 mila euro, Roccapiemonte per 457.550,94 euro, San Cipriano Picentino arriveranno 657.234,70 euro, mentre a Sarno circa un milione e mezzo di euro. Stamattina, in conferenza stampa, il sindaco Torquato, assieme all’ingegnere Califano e al geometra Faiella, ha esposto i primi interventi nocerini in materia, che non saranno gli unici, quelli riguardanti proprietà ex camorra in via Fucilari e al Parco di Luggo – la conferenza stampa integrale è visibile sulla nostra pagina Facebook. A precisa domanda sulla presenta attuale o meno della camorra in città, il sindaco non s’è sostituito alla Dia ma affermato che di sicuro non è presente nelle istituzioni ma che bisogna sempre tenere alta la guardia considerando anche le vicende elettorali di due anni fa. Anche dalla sua parte, due anni fa, vi furono cattivi maestri-consiglieri, che firmarono e avallarono candidature di emergenti diventato successivamente emergenza, non aggiungiamo altro. Oggi il sindaco ha festeggiato l’onomastico ma senza particolari cerimonie, scosso com’era dalla prematura scomparsa dell’architetto Giuseppe Ferrara, i cui funerali si svolgeranno domani mattina a Bracigliano.