Nocera Inferiore. Edilizia Residenziale Pubblica a Montevescovado: i chiarimenti dell’Iacp

Un intervento allo scopo di fornire precisi chiarimenti sullo stato dell’intervento di Edilizia Residenziale Pubblica in località Montevescovado, a Nocera Inferiore.

Lo scorso 28 dicembre – si apprende da una nota ufficiale diramata dall’Istituto Autonomo per le Case Popolari –  “è stato stipulato un preliminare di convenzione tra l’IACP ed il Comune di Nocera Inferiore, finalizzato al completamento parziale dell’intervento, sebbene pendesse la pesante criticità relativa all’ipoteca gravante sul terreno, accesa in favore del Banco di Napoli da IACP Futura srl”.

L’Istituto – si apprende – “ha inoltrato, in tal senso, in data 02.01.2017 istanza alla Curatela Fallimentare IACP Futura srl per una soluzione transattiva che potesse consentire, tra l’altro, la liberazione dell’area dal vincolo ipotecario. Il Comune di Nocera Inferiore è perfettamente a conoscenza che la soluzione al problema è condizione ineludibile per avviare l’iter dell’intervento costruttivo. Soltanto in data 27.02.2017 la Curatela Fallimentare IACP FUTURA srl ha rigettato la proposta transattiva ribadendo, tra l’altro, la disponibilità degli organi fallimentari ad individuare soluzioni conciliative. La risoluzione delle pendenze con la Curatela Fallimentare condiziona la definitività e l’efficacia del preliminare di convenzione stipulato con il Comune di Nocera; in mancanza, non è possibile dare corso al procedimento disegnato. L’Istituto ha avuto contezza, da sempre, di quali e quanti impedimenti fosse lastricato il percorso per realizzare l’intervento: ciò nonostante, ha costantemente svolto compiti di sussidiarietà nei confronti del Comune in ordine al perseguimento dell’obiettivo (tutto sociale) di alleviare la tensione abitativa sul suo territorio attraverso la realizzazione degli alloggi popolari con fondi propri. Si conferma disponibilità e la ferma intenzione di realizzare l’intervento costruttivo di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica con i fondi IACP Salerno nel Rione Montevescovado, invitando tutte le parti coinvolte (Curatela Fallimentare IACP Futura srl, Banco di Napoli spa), Regione compresa, ad esaminare ipotesi di soluzione in ordine alla criticità rappresentata, il cui superamento è essenziale per la prosecuzione del programma condiviso”.