Nocera Inferiore. Carbon Negative: “Piantati nuovi alberi in città”

Negli ultimi anni c’è stato un notevole incremento delle azioni, sia delle industrie che dei singoli cittadini, di stampo green. Questo poichè ci si sta rendendo conto dell’insostenibilità dei modelli di vita cui siamo stati abituati, che ci stanno portando sempre più vicini a un break even point (un punto di non ritorno) dell’equilibrio ambientale.

Dalla pagina social Carbon negative: Quando “negativo” vuol dire bene.

Ieri e tre giorni fa abbiamo piantato in giro per Nocera diversi alberi. 2 corbezzoli (via Rea e trav. Via Napoli) 2 pini domestici al Vescovado, 1 pino domestico e una quercia a via Napoli, 2 querce a piazza Salierno, 1 quercia al rione calenda e un’altra al rione Cierro. Abbiamo piantato gli alberi in aiuole già predisposte ad ospitarne, spesso aiuole che in passato ospitavano alberi e che, quando questi sono seccati, non sono stati sostituiti.
Abbiamo scelto specie rigorosamente locali riprodotte da semi raccolti nei dintorni, in grado di essere habitat per numerose altre specie ( insetti, uccelli, licheni, funghi), preservando quindi la biodiversità. I vantaggi che gli alberi forniscono agli ambienti urbani sono innumerevoli (ombreggiamento, frangivento, depurazione dell’aria dai particolati giusto per citarne alcuni) ma soprattutto gli alberi sono uno dei pochissimi mezzi a disposizione dell’umanità per fermare lo stravolgimento climatico che rischia di spazzare via il mondo in cui viviamo.