Napoli-Torino 2-1, le pagelle degli azzurri

Ospina 6 – Mai sollecitato realmente. Qualche buona uscita che dà sicurezza alla difesa, poi preciso nel giro palla da dietro senza grossa pressione

Di Lorenzo 8– Altro che riposo. Gioca ogni tre giorni senza sosta da mesi, e lo fa sempre meglio. Sempre presente in uscita e consuma la fascia nelle due fasi di gioco, dà sempre la sovrapposizione accompagnando l’azione con caparbietà. Sirigu gli nega il gol con una prodezza, poi può nulla sulla seconda occasione che chiude la gara.

Manolas 7 – Pesantissima la rete che sblocca il match, di testa con i tempi giusti nel cuore dell’area piccola, che rende vana la gara ultra-difensiva del Torino e incanala il match. Perfetto in fase difensiva, annullando Belotti, costretto ad accentuare qualche contatto per prendersi qualche fallo a centrocampo.

Maksimovic 6,5 – Di testa non lascia nulla alle due punte del Torino, prezioso in uscita per far uscire bene l’azione da dietro e senza particolari rischi. Chiude infatti con 83 tocchi con uno strepitoso 98,9% di precisione.

Hysaj 6,5 – Un paio di imprecisioni nel primo tempo, ma cresce tantissimo nella ripresa, allungando anche la falcata in zona offensiva. Sempre prezioso in uscita (91 passaggi completati), non perdendo mai la calma e creando buoni triangoli sulla catena mancina.

Fabian 6,5 – Con Lobotka fa girare il pallone a mille all’ora e fa correre a vuoto il Torino, trovando spesso l’imbucata centrale. Dispensa qualità a ripetizione e nella ripresa con più spazi si inserisce anche con buona continuità.

Lobotka 6,5 – Torna titolare e fa valere le grandi doti tecniche. Il pallone gira veloce, fin troppo giocando sempre in avanti per cercare la verticale, mandando a vuoto il Torino che non può far valere la fisicità nei duelli.

Zielinski 6 – Non risente dello sforzo col Barcellona, resta lucido fino alla fine, ma senza trovare l’ultimo passaggio a difesa schierata.

Politano 6 – E’ sempre nel vivo del gioco, ma non convince nelle scelte. Non si intende con Milik in un paio di occasioni, alcune volte temporeggia ed altre invece prova l’incursione o il cross senza compagni in area.

Milik 6 –  Un colpo di testa di poco alto, un tiro che viene murato in extremis, ma per il resto fa tanto lavoro di raccordo ma ha poche palle per incidere realmente in area di rigore (dal 74′ Mertens 6,5 – Entra e serve l’assist millimetrico per il 2-0 di Di Lorenzo)

Insigne 6 – Si divora una chance importante solo contro Sirigu, poi il portiere salva in un’altra occasione ma è prezioso negli automatismi della corsia esterna, andando dentro a ripetizione con Hysaj e Zielinski, Perfetta la traiettoria che manda in gol Manolas.