Napoli / Qualiano – Sfruttate e costrette a prostituirsi in manette il loro “protettore”

I Carabinieri della stazione di Qualiano hanno arrestato per induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione un 39enne di origini albanesi già noto alle Forze dell’ordine. I militari avevano raccolto la denuncia di due sorelle di origini ucraine, costrette dal 39enne a prostituirsi e, dal giugno 2019, a subire violenze e minacce.

Le aveva “reclutate” per farle prostituire lungo la circumvallazione esterna, tenendo per sé gran parte dei guadagni ottenuti. Aveva sottratto loro il passaporto e prospettato mali di ogni genere alle loro famiglie qualora non avessero seguito i suoi ordini.

I Carabinieri si sono appostati poco lontano dal luogo in cui le donne erano obbligate a sostare, dove il 39enne era solito passare per riscuotere il denaro e per riportarle a casa.
Individuato e bloccato, l’uomo è stato perquisito: nelle sue tasche il passaporto intestato ad una delle due vittime. In manette, è stato tradotto al carcere di Poggioreale, in attesa di giudizio.