Napoli-Inter 4-1, la vendetta è un piatto che va servito a suon di gol

Inizio positivo per gli uomini di Ancelotti che al 3′ sfiorano il vantaggio con Mertens, il belga riceve da Malcuit ma di prima intenzione manda sopra la traversa. Gli azzurri più incisivi, mentre l’Inter prova a rendersi pericolosa con azioni manovrate. Al 12′ nuovo pericolo per la difesa nerazzurra, Milik con un tiro potente manda di poco a lato. Risponde l’Inter con Lautaro ma Albiol è reattivo e smorza il tiro dell’argentino. Al 16′ passa il Napoli, esce male dalla difesa l’Inter, Zielinski ne approfitta ricevendo da Fabian e insaccando con un poderoso tiro dalla distanza che si infila all’incrocio. Accusa il colpo la formazione nerazzurra che rischia di subire il bis al 26′ quando Ghoulam riceve da Fabian e dal limite manda sopra la traversa. Nel finale di frazione viene nuovamente fuori l’Inter ma senza costrutto, ci provano Perisic e Politano ma la difesa azzurra risponde presente. Al 37′ occasione per Lautaro, tiro di punta per poco non beffa Karnezis. Sfiora il pari al 40′ Nainggolan, palla alta non di molto. Chiude in avanti il Napoli che manca il raddoppio con Callejon, poi il direttore di gara fischia la fine del primo tempo. L’Inter riparte con tutt’altro piglio nella ripresa, Lautaro e Perisic propositivi ma Albiol e Koulibaly fanno buona guardia. Al 61′ arriva il raddoppio del Napoli, assist di Callejon per Mertens che con un perfetto colpo di testa non lascia scampo ad Handanovic. Flebile reazione dei nerazzurri, al 67′ tentativo di D’Ambrosio che con un tiro al volo mette alla prova i riflessi di Karnezis. Appena un giro di lancette e Koulibaly salva il Napoli, tiro di Lautaro e il difensore senegalese salva sulla linea di porta. Nel momento migliore dell’Inter arriva il tris azzurro, parata di Handanovic su tiro di Milik poi sulla respinta Malcuit serve Fabian che insacca. Gara ormai in archivio, sul tre a zero è però il Napoli non abbassa il ritmo e continua ad attaccare. Al 74′ gli ospiti sfiorano il gol della bandiera con Lautaro, ma la traversa nega la gioia più grande al giovane argentino. Al 78′ un colpo di testa di Icardi impegna Karnezis e pochi secondi più tardi il Napoli cala il poker, azione veloce degli azzurri con Mertens che serve Fabian, lo spagnolo col sinistro non si fa pregare e fissa il punteggio sul quattro a zero. Sussulto dei nerazzurri all’81’ con Albiol che stende Icardi, l’argentino dal dischetto non sbaglia e sigla il gol della bandiera per la sua squadra. Prova a chiudere in avanti l’Inter ma il passivo è decisamente pesante per gli uomini di Spalletti, tra i più nervosi Nainggolan. All’89’ opportunità anche per Insigne, l’attaccante azzurro prova a sorprendere Handanovic ma la palla termina fuori. Dopo tre minuti di recupero il direttore di gara fischia la fine, il Napoli saluta nel miglior modo possibile i suoi tifosi mentre per l’Inter si complica pesantemente la corsa Champions.