Napoli e provincia – Le operazioni della Polizia di Stato

Sono le operazioni effettuate dagli uomini e dalle donne della Polizia di Stato della Questura di Napoli che ogni giorno sono impegnati a garantire legalità e sicurezza.

Affrontano in maniera coraggiosa una realtà a difesa dei cittadini pronti a fronteggiare la criminalità sotto ogni aspetto, rischiando molte volte la vita.

Ogni giorno, controlli, perquisizioni, arresti, vengono fatte nella città metropolitana e nei paesi dell’area Vesuviana nella quale con abnegazione e coraggio tengono alti i valori delle leggi.

****************************************************

Riviera di Chiaia – Vende articoli di abbigliamento nonostante il divieto.
Chiuso un negozio per cinque giorni.

Riviera di Chiaia, vende capi di abbigliamento nonostante il divieto: negozio chiuso per 5 giorni | RomaIeri pomeriggio gli agenti del Commissariato San Ferdinando hanno effettuato un controllo presso un esercizio commerciale in via Riviera di Chiaia accertando che il titolare, poco prima, aveva venduto 34 capi d’abbigliamento, tra cravatte e sciarpe, ad una persona appena uscita dal negozio.
I poliziotti hanno sanzionato entrambi per inottemperanza alle misure anti Covid-19:  il gestore con la chiusura del locale per  5 giorni, ed il cliente  perché trovato fuori dal proprio comune di residenza senza giustificato motivo.

****************************************************

Ordinanza di custodia cautelare per 22enne Marocchino indiziato di rapina aggravata e lesioni

Ubriaco picchia due giovani poi butta a terra un poliziotto: denunciatoSu delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Napoli, personale della Squadra Mobile ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, che dispone la misura carceraria per H. A. nato in Marocco il 2.04.1998  gravemente indiziato del reato di rapina aggravata e lesioni.

Nelle giornate del 18 e 19 luglio u.s. un soggetto armato di coltello ha perpetrato su Corso Umberto 2 rapine ai danni di turisti stranieri, impossessandosi dei loro telefoni cellulari e di denaro. In entrambi i casi il rapinatore per assicurarsi il possesso della refurtiva ha cagionato delle lesioni alle vittime, giudicate guaribili in 10 giorni, colpendole con dei fendenti al volto ed al torace.

Il personale della squadra mobile intervenuto immediatamente sul posto ha fornito le prime cure ai turisti ed ha acquisito tutte le informazioni utili per il rintraccio del reo. L’attività investigativa basata principalmente sull’analisi delle immagini dei sistemi di sorveglianza presenti su tutta l’area interessata dall’evento ed il riconoscimento delle parti offese hanno consentito di individuare il rapinatore nei confronti del quale è stata emessa la misura cautelare de quo.