Reduce dal successo registrato con il singolo “Na canzone”, una poesia scritta in lingua napoletana e musicata dal compositore Espedito De Marino, la giovane cantautrice Giulia D’Alessandro torna a deliziare il suo affettuoso pubblico con l’inedito “Nuvole”.

Il nuovo progetto musicale, stavolta in lingua italiana, ha preso vita durante le lunghe giornate di lockdown poiché, come racconta la musicoterapista, «ho preferito trarre ciò che c’era di “positivo” in quel complicato frangente e l’ho trasformato in musica che, credo, sia tra le più belle espressioni che contraddistinguono l’uomo».

L’autrice nocerina, svela: «In un pomeriggio di aprile ho riaperto un cassetto della scrivania e ho ritrovato vari testi che solo qualche mese prima avevo scritto ed è così che, improvvisamente, la musica è venuta da sé, inizio a cantarla e a trascriverla, mi piaceva perché rispecchiava a pieno il mio stato d’animo di quel momento».

Nella composizione, l’ideatrice ha curato nei minimi dettagli l’opera: dalle parole alla musica e per finire alle immagini sia metaforiche che reali, affinché tutto focalizzasse maggiormente l’attenzione su un sentimento nobile, quale l’amore, diventato negli ultimi tempi, una parola quasi abusata, un qualcosa di effimero e prettamente fisico.

«Ho voluto raccontare una storia d’amore pulita ed autobiografica perché nelle mie canzoni preferisco raccontare sempre ciò che io vivo personalmente – sostiene D’Alessandro – inizialmente poteva sembrare una banalità però riflettendoci ho ritenuto che in tale periodo vi fosse un impoverimento dei sentimenti e, quindi, un ritorno all’autenticità può essere un messaggio importante, soprattutto tra i giovani».

Nasce perciò “Nuvole” – quale metafora di questa storia – che raffigurano il candore, dal colore bianco che le caratterizza, appunto, da ricercare in ogni amore davvero sincero, forte ed autentico, un sentimento puro che consente di superare qualsiasi situazione che la vita presenta.

Anche il video lyric ufficiale – che da martedì sarà disponibile online su tutti i digital store – ha una sua peculiarità: è stato girato in estate tra i più suggestivi luoghi che caratterizzano il massimo splendore della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina: un omaggio dell’artista alla propria terra che «amo fortemente, infatti, sono particolarmente legata al magnifico patrimonio culturale che la Campania ci offre» rivela Giulia D’Alessandro.

FONTE: Integrazione all’articolo tratto da © LA CITTÀ e pubblicato in data 13/12/2020 alla pagina n. 23