Mercato San Severino: la Stradale li becca con roba rubata e loro tentano di corrompere i poliziotti

Una pattuglia del Distaccamento Polstrada di Nola  ha proceduto all’arresto di un cittadino di nazionalità marocchina, responsabile dei reati di istigazione alla corruzione e ricettazione in concorso con una altro cittadino di origine marocchina denunciato in stato di libertà. Gli operatori, sull’autostrada A30 km 49+900 –  barriera autostradale di Mercato San Severino nel territorio comunale di Mercato San Severino, procedevano al controllo di un autocarro Fiat Ducato con a bordo il conducente E. O. R. di anni 48 e residente a Campagna Successivamente tratto in arresto per istigazione alla corruzione, ricettazione in concorso.Quest’ultimo viaggiava unitamente a E.S.A. di anni 43 residente ad Angri, deferito all’A.G. per  ricettazione in concorso.Durante le fasi del controllo  il conducente manifestava segni di nervosismo e pertanto l’accertamento veniva esteso anche al veicolo; all’interno dello stesso veniva rinvenuta ingente quantità di attrezzatura da lavoro quali trapani, smerigliatrici, saldatrici, apparecchiature elettroniche televisori lcd, pc portatili, telecamere di sorveglianza e monitor per pc. Gli occupanti, i quali annoveravano numerosi precedenti penali specifici, non riuscivano a  giustificare il possesso del summenzionato materiale e pertanto, al fine di eludere il controllo di Polizia, il conducente  cercava di corrompere gli Operatori offrendo, in cambio, parte del materiale rinvenuto sul mezzo. Gli agenti procedevano al’arresto ed a deferire all’Autorita Giudiziaria il passeggero. Successivamente veniva informato il P.M. di turno presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore il quale disponeva la detenzione domiciliare dell’arrestato che, durante il tragitto tentava nuovamente di offrire parte del materiale.  Successivamente  su delega dell’A.G. due equipaggi si portavano presso il domicilio di Campagna per la sottoposizione ai domiciliari e per effettuare una perquisizione presso l’abitazione dove veniva rinvenuta un’area adibita a parcheggio sulla quale vi erano ulteriori 4 autocarri con all’interno un’ingente quantità di materiale (ricambi di veicoli, parti di motore e nr. 5 televisori LCD) tutti di provenienza furtiva. Si procedeva altresì alla denuncia in stato di libertà per ricettazione  di 4 persone di nazionalità marocchina, proprietari dei citati 4 autocarri.