Mazzamauro accusa Squillante: “Contatti col nuovo club già da aprile”

Una separazione parecchio travagliata quella fra Gigi Squillante e l’Herculaneum.

Dopo le forti accuse dell’ex tecnico granata, perentoria la replica del presidente onorario Alfonso Mazzamauro.

Conferma l’avvio delle ostilità con Squillante già nel corso dell’ultima stagione, Mazzamauro, spiegandole alla luce di circostanze ben precise.

Squillante ha parlato di una certa antipatia che ad un certo punto del campionato gli avrei riservato. È vero, ma a questo punto è giusto spiegarne i motivi. Nel mese di aprile ho ricevuto una telefonata da un ispettore di polizia che mi informava di un incontro del mio mister con le persone che ora compongono il nuovo sodalizio societario del Galdiator. Addirittura, dovendo noi affrontare proprio in quel periodo i casertani, all’epoca impegnati nella lotta per non retrocedere, ci furono anche chiamate da parte di chi pensava potessimo cedere dei punti ai nostri avversariComunque, su consiglio del mio avvocato, denunciai il tutto. Questo per far capire che persona era Luigi Squillante“.

Ma i retroscena non si fermano qui. “Voglio raccontarne un altro. Alcuni dei giocatori che hanno poi lasciato l’Herculaneum, a fine campionato sono venuti nel mio ufficio a chiedermi dei compensi esorbitanti per un eventuale nuovo accorso, spiegandomi addirittura che quelle richieste erano proprio finalizzate ad interrompere il rapporto con la nostra società. Mi hanno esplicitamente detto che finché sulla panchina dell’Herculaneum ci fosse stato Squillante, loro non avrebbero più voluto far parte del nostro progetto“.

Capitolo Torre Annunziata. “Un giorno – conclude Mazzamauro – Squillante venne da me dicendomi che Ercolano gli stava stretta e mi passò al telefono delle persone vicine al Savoia. Fissò anche un incontro in un ristorante, ma io non mi presentai, perché per me l’integrità morale è un valore. Durante quel periodo mi sono comunque divertito a leggere commenti nei miei confronti ed ho capito che ad alcune persone non fa piacere che io stia qui. Tuttavia io sono un osso duro e sfido chi non mi vuole“.