Marigliano, lotta agli sversamenti, anche col drone

 

È lotta agli sversamenti abusivi ed a tutti gli illeciti ambientali: un drone sorvolerà il territorio e consentirà di scandagliare anche le aree off-limits ai cittadini.
Il robot volante è arrivato a Marigliano grazie al finanziamento erogato dalla Città metropolitana che ha valutato positivamente il progetto predisposto dall’Agenzia di sviluppo dei Comuni dell’Area nolana in risposta al bando finalizzato all’acquisto di mezzi, attrezzature e macchinari necessari per le attività di protezione civile.
La stessa richiesta venne predisposta dall’Agenzia, anche, per il comune di Tufino.
Entrambi hanno, pertanto, potuto acquistare un drone e specifici software per l’elaborazione dei dati raccolti. A condurre le attività di monitoraggio ambientale sarà Agenzia di sviluppo dei Comuni area nolana, che si farà carico della gestione dei voli e della successiva elaborazione dei dati.
Numerosi gli obiettivi che riguardano, in particolare, il controllo degli scarichi illegali di rifiuti sulle aree periferiche del territorio comunale; il  monitoraggio dei Regi Lagni per prevenire rischi idrogeologici, il controllo delle aree incendiate e di quelle a rischio, la quantificazione degli sversamenti e la misura delle superfici interessate, intervento in situazioni di emergenza a salvaguardia delle persone. Marigliano – spiega il comandante della Polizia Locale, Emiliano Nacar – è tra i primi 5 comuni d’Italia ad aver attivato un servizio simile. Il drone sarà di supporto al controllo di fenomeni illeciti,
ma soprattutto ci aiuterà ad annullare gli sversamenti illeciti grazie anche ad altre attività che metteremo in campo da settembre come il potenziamento del sistema di sorveglianza e dei controlli del territorio che avverranno anche in fascia serale e notturna.