Lavoro sempre e prima di ogni cosa! Precarietà mai perché lede la dignità dell’essere umano

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa unitario di Fai Cisl Campania, Flai Cgil Campania e Uila Uil sulla situazione relativa al settore della forestazione.

Ecco il testo:

“Il lavoro viene prima di ogni cosa, basta precarietà perché lede la dignità di ogni essere umano”. Avevamo ammonito e avvertito del pericolo incombente. Ci spiace dirlo ma abbiamo avuto ragione.
Anche nella tempistica: non a caso ad agosto e non a caso in campagna elettorale.
Alcune Comunità Montane, con l’indifferenza dell’UNCEM ed il silenzio del Direttore Generale stanno fungendo da pericolose apripista anche per altre, procedendo ad assumere nuovo personale senza tener conto , o aver posto rimedio alla condizione degli OTI e OTD storici che a tutt’oggi vantano stipendi arretrati.
Domande: con quali risorse saranno pagati i nuovi assunti? E’ corretto utilizzare i fondi dell’AIB per pagare i neo assunti? E se esistono risorse tali da spingere a nuove assunzioni perché, di contro, non esistono le risorse per pagare gli stipendi arretrati agli OTI e OTD storici? Il Consigliere delegato alla Forestazione l’UNCEM e la Direzione Generale dell’ Agricoltura Caccia e Pesca sono a conoscenza di tutto questo?

E soprattutto sono d’accordo? Sarebbe il caso di una risposta chiara!E sarebbe il caso di una risposta chiara anche sulle modalità. E’ noto a tutti che affidarsi a società interinali di somministrazione lavoro è il metodo più costoso e meno trasparente sulle modalità di
selezione del personale. Avevamo ammonito si ma ci turba egualmente molto questa insensibile miope e pericolosa perseveranza nel produrre precari senza affrontare i problemi strutturali del settore previsti nel nuovo regolamento e concordati con il Consigliere Delegato. Ridurre un essere umano alla precarietà significa ferirgli la dignità
in modo permanente.

Significa rubargli il futuro. Siamo contro e ci opporremo con tutte le nostre forze ribadendo in modo chiaro quello che dicemmo il 6 marzo 2020: “…prima gli OTI e OTD storici…poi altre eventuali assunzioni dovranno avere i connotati della sostenibilità e delle percorribilità dei percorsi. In parole chiare o assunzioni vere e concrete, quindi niente part-time o amenità del genere, o FLAI FAI e UILA Campania saranno indisponibili a percorrere strade che alimenteranno solo pericolose illusioni ed aspettative destinate a cadere nel vuoto”.

ANDREMO FINO IN FONDO

     FLAI CGIL                  FAI CISL                          UILA UIL
Giuseppe Carotenuto        Bruno Ferraro                   Emilio Saggese