La Turris avanza in Coppa nel segno di Picci

Turris: Abagnale, Barbiero, Somma, De Gol, De Rosa (22′ Morella), De Girolamo, Palumbo, Danucci, Tarallo (28′ s.t. Evacuo), Picci, Petrone (16′ s.t. Perinelli). A disp.: Atteo, Perfetto, Schettino, Salvatore, Imparato, Varriale. All. Baratto.

Aversa Normanna: Maraolo, Del Prete, Ciocia (38′ s.t. Calvanese), Guglielmo (33′ p.t. Di Prisco), Guastamacchia, Bosco, Felleca, Nappo, Sequino, Martiniello, Esposito (5′ s.t. Guillari). A disp.: Lombardo, D’Ambra, Scampetti, Marzano, Grieco, Buono. All. Chianese.

Arbitro: D’Aquino di Roma 1.

Reti: 6′ e 21′ p.t., 38′ s.t. Picci, 21′ p.t. Guastamacchia, 26′ p.t. Martiniello.

Note: osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del terremoto che ha devastato il centro Italia lo scorso 23 agosto. Spettatori 1.200 circa. Ammoniti: Picci, Bosco, Palumbo, Guastamacchia, Nappo, Maraolo, Calvanese. Espulso: Morella al 45′ s.t..

Nel segno di un Picci letteralmente incontenibile. La Turris supera l’Aversa Normanna – vittoria condita da un certo carico di sofferenza – con una tripletta dell’attaccante barese. Avvio di gara in discesa per i corallini, che trovano il vantaggio dopo appena sei minuti. Poi le reti di Guastamacchia e Martiniello, che consentono all’undici di Chianese di ribaltare lo svantaggio iniziale, quindi la reazione dei corallini, che con Picci prima riagguantano il pari e poi centrano la vittoria ad una manciata di minuti dal termine. Un successo che consente alla Turris di proseguire il cammino in Coppa.

Nel 4-4-2 corallino la spunta Barbiero sulla corsia di destra. È questa l’unica variazione rispetto all’undici che domenica scorsa ha steso il Pomigliano. Sei giri di lancette ed è già vantaggio Turris. Sugli sviluppi di un corner corto di Danucci, traversone di Palumbo e girata vincente di Picci. Ancora Turris in proiezione offensiva al minuto 16: micidiale il colpo di testa di Tarallo su traversone dalla destra di Picci, provvidenziale la risposta di Maraolo, che devia in corner. Al 21′ il pari ospite, ancora sugli sviluppi di un corner. È di Guastamacchia il tocco vincente, su sponda di Martiniello. L’Aversa ribalta al minuto 26: Martiniello profitta di un clamoroso infortunio di Danucci, ruba palla ed insacca a tu per tu con Abagnale. Alla mezz’ora di un nulla fuori il colpo di testa di De Gol, su corner di Palumbo. Altra disattenzione – questa volta proprio di De Gol – che rischia di costar cara al minuto 34: Nappo intercetta palla nella trequarti ma calcia con troppa fretta, senza inquadrare lo specchio della porta. Al 36′ si spegne sul fondo il tentativo di Tarallo da buona posizione.  Al minuto 38 il pari corallino. Su corner di Palumbo, svetta su tutti Picci – ancora lui – che insacca di testa. Buona occasione di marca corallina al 42′ con Palumbo però che – da posizione decisamente favorevole – perde l’attimo buono e calcia sul portiere. Al 44′ ancora Aversa Normanna pericolosa: sugli sviluppi di un corner, è la traversa a dire di no ad Esposito. Nella ripresa, tentativo di testa di De Gol – al quarto d’ora – sugli sviluppi di un corner, rimediato caparbiamente da Barbiero. Al 19′ girata di Tarallo su traversone di De Rosa: sfera bloccata da Maraolo. Un minuto più tardi – complice uno svarione di Perinelli – Di Prisco si ritrova a calciare a tu per tu con Abagnale: si stampa sul palo la sua conclusione, per poi rimpallare sull’estremo difensore corallino. Abbondantemente alta sulla traversa, al minuto 33, la conclusione dalla distanza di Picci. Al 37′ gran sventola di Palumbo dalla distanza, che si stampa sulla parte alta della traversa. Al 40′ la progressione di Palumbo che costringe Maraolo a metterlo giù in piena area: ineccepibile il penalty, con tanto di giallo all’estremo difensore ospite. Dagli undici metri implacabile Picci, che firma la sua personale tripletta. Al 48′, sugli sviluppi di un calcio piazzato, tocco insidioso di Guastamacchia: efficace Abagnale.