La Partita della Domenica mattina, il Giugliano vince e resta in lizza per la D

Sì. d’accordo. Frattamaggiore ha vinto sul campo del Barano con Allegretta e Simonetti. A quattro giornate dalla fine, nel girone A di Eccellenza, la dote è notevole, al punto di indurre a credere che i nerostellati brilleranno nuovamente in ambito dilettantistico nazionale. Ma adesso, come nel gioco televisivo di Amadeus, sappiamo chi è l’ignoto numero 1, l’unica rivale, trattasi del Giugliano, passato sul campo dell’Afragolese in una sfida che per i nomi a contrasto non sembrava di Eccellenza ma una D2, anzi dopo aver visto certa D di quest’anno, facciamo pure D una e mezza. All’8’il mitico Dino Fava Passaro, 42 anni tra 6 giorni, si coordina al volo sul cross dalla destra di Murolo, non inquadrando di poco quel posto magico che si chiama porta. Risponde al 21′ con Santonicola, autore di una progressione ripartente che fa impressione, vien messo giù poco prima dell’area. Mimì Maggio non è al mese giusto, al 24′ si rende pericoloso sul cross di pericoloso, conclusione murata. Al 27′ c’è un calciatore che semina sè stesso, il Panico, che si ritrova palla tra i piedi dopo una mischia in area, ed esegue un pallonetto perfetto indirizzato sotto l’incrocio, ma Mola con colpo di reni risponde occhio per occhio e dente per dente (lo so esagero…). Giugliano rende nuovamente pericoloso al 36′, sprecando una clamorosa palla gol in situazione di 3 contro 1, con Murolo che serve Caso Naturale ed esclude dal novero delle ipotesi quella personale e forse più indicata. Nella ripresa i ritmi sono ancora altissimi e l’avvio vede il Giugliano spingere il piede sull’acceleratore, ma è l’Afragolese ad avere la vera occasione, al 19′ Mansour ruba palla sulla sinistra a Cassandro, servendo Maggio solo al centro che non calcia benissimo, trovando la risposta di piede di Mola. Passano pochi minuti e il Giugliano sblocca, con faciltà, diremmo un Caso Naturale, che sul secondo palo arriva prima di tutti di testa, su una punizione battuta dalla destra, e fa secco Pezzella. Non s’arrende l’Afragolese, al 30′ trova il gol del pareggio con l’appena entrato Pisani, bravo di testa ad anticipare tutti.  Il finale è di chi ha personalità in più. Del Giugliano, così: Caso Naturale si accentra e col filtrante (adesso si dice così) pesca un inserimento al Bacio, anche nel senso di Terracino, che si ritrova solo davanti a Pezzella per eseguire l’1-2. Molti dubbi su un episodio in area giuglianese proprio allo scadere, per un presunto tocco di mano non ravvisato. Ma ora leggete le formazioni e vi renderete conto della qualità generale, che resta tale, a prescindere dal risultato.

Afragolese – Giugliano 1-2

Afragolese: Pezzella 6, Ceparano 6 (43’st Rea sv), De Simone, Vitiello 5,5 (12’st Mansour 6), Follera 6,5, Palumbo 6 (46’st Saginario sv), Panico 6 (25’st Pisani 6,5), Marzullo 5,5, Maggio 6, Di Finizio 5,5 (41’st Improta sv), Santonicola 6. A disp. Paolella, Vilardi, Angelillo, Biancardi. All. Vigorito (squalificato Masecchia)

Giugliano: Mola 7, Cassandro 5,5, Mennella 6, De Rosa 6,5 (27’st Sardo 6), Tarascio 6,5, Di Girolamo 6,5, Murolo 6 (16’st Bacio Terracino 6,5), Liccardo 7 (42’st Carbonaro sv), Fava Passaro 6,5, D’Angelo 6, Caso Naturale 7. A disp. Riccio, Migliarotti, Liguori, Peluso, Manzo, Fragiello. All. Agovino.

Arbitro: Mozzo di Padova 6

Reti: 22’st Caso Naturale, 31’st Pisani, 39’st Bacio Terracino.

Note: Spettatori 1500 circa. Ammoniti Follera, Santonicola, Tarascio, Carbonaro, Bacio Terracino. Angoli 10-6. Recupero 1’pt, 4’st.