La Partita della domenica: 40mila spettatori per Juve-Fiorentina al femminile, è già storia

Cosa induce quasi 40 mila persone ad invadere l’Allianz Stadium di Torino per una partita di calcio femminile? Lo Stadium comodo, sede della partitissima scudetto Juventus-Fiorentina. Il calendario ha fortunatamente voluto che il match clou si collocasse in un week end in cui il calcio maschile della Serie A e della Serie B era assente per la pausa delle Nazionali. L’ingresso gratuito, anche se su prenotazione, e l’aver scelto la domenica pomeriggio ha favorito l’afflusso.6) Con l’irruzione nell’universo femminile dei grandi club del calcio professionistico (e la Fiorentina è stata la prima, seguita l’anno successivo dalla Juve, ora dal Milan, dalla Roma e dall’Inter, ancora per pochi mesi in Serie B) si è registrata una crescita di interesse e di mediatizzazione, vedi l’acquisto di Sky dei diritti del campionato e della Coppa Italia. La qualificazione delle azzurre di Milena Bertolini ai prossimi Mondiali di Francia (7 giugno-7 luglio), a vent’anni di distanza dall’ultima partecipazione, ha generato un entusiasmo sconosciuto. La partita l’ha vinta la Juve per 1-0, portando a 4 i punti di vantaggio sulla Fiorentina, ipotecando, a tre giornate dalla fine, il secondo scudetto di fila.4-3-3 (la Juve) contro 4-4-1-1 (la Fiorentina).  La gara è stata equilibrata, decisa in negativo per la Viola dell’errore del portiere Durante  su un innocuo pallone scagliato da Boattin verso il centro dell’area. Durante, che ha deciso per l’uscita chiamando la palla, ha indotto la centrale Agard a non colpire di testa quando era nettamente in vantaggio. La sfera è così arrivata sulla testa di Pedersen che ha anticipato Vigilucci mettendo in rete a porta vuota.Ma gli erroracci capitano ovunque, anche tra gli uomini…