La morte di Simon,  “L’Italia non ha saputo intervenire nel modo e nei tempi giusti”

“Usciamo sconfitti da una battaglia durata giorni, da una infinita fatica”. Claudio Ruocco e Giusy Cella sono i piloti dell’azienda “AltaProspettiva” di Agropoli che ha messo a disposizione i droni per le ricerche di Simon Gautier, lavorando in sinergia con la Croce Rossa negli ultimi giorni nel Golfo di Policastro. “Abbiamo avuto le speranze fino all’ultimo – spiegano in un post su Fb – Speravo che ti avremmo trovato in un cunicolo a proteggerti dal sole, sì, ferito sicuramente, ma non morto”. “Ti chiediamo scusa – proseguono -ma soprattutto ti chiediamo scusa da parte di tutta la nostra nazione che non ha saputo intervenire nel modo e nei tempi giusti”. “Grazie – concludono – a tutti i volontari e alla Croce Rossa ma soprattutto al Soccorso Alpino”.