Juve Stabia, errori e follia: 0-0 a Bisceglie

Il rigore sbagliato da Carlini

In oltre mille a Bisceglie per spingere la Juve Stabia verso la serie B. Alla fine, però, i sostenitori provenienti da Castellammare devono vedere le Vespe pareggiare 0-0 e il Trapani avvicinarsi pericolosamente (+1 sul campo per la Juve Stabia ma c’è la gara contro il Matera già vinta). L’episodio chiave il rigore fallito da Carlini nel primo tempo, ma preoccupa lo stato della squadra di Fabio Caserta senza vittorie da 5 partite consecutive (4 pareggi e una sconfitta).

Primo tempo combattuto, ma non bello. Al 21’ per un fallo in area di Triarico la Juve Stabia ha un’opportunità dal dischetto, ma Carlini spedisce il pallone alto fallendo il rigore del vantaggio. Mastalli ci prova poi di testa, ma sulla sua strada trova Cerofolini, portiere scuola Fiorentina, che ha lo scatto giusto per intervenire. Nel finale di tempo proteste della squadra di Fabio Caserta per due contatti in area, ma per il direttore di gara, Santoro di Messina, è tutto regolare. Nella ripresa anche il Bisceglie si rende pericoloso con una conclusione di Risolo che va di poco a lato mettendo i brividi a Branduani. Nel finale Caserta si gioca tutte le carte possibili per sbloccare la partita e passa al 4-2-4 tenendo contemporaneamente in campo El Ouazni, Paponi, Torromino e Canotto. Eppure, l’occasione più pericolosa è di Cuppone che sradica il pallone a Mezavilla e s’invola verso la porta avversaria ma trova sulla sua strada un provvidenziale Branduani. Paradossalmente sono i nerazzurri di Vanoli ad avere le occasioni migliori, anche con un colpo di testa di Longo. Il nervosismo nel finale è alle stelle, alla Juve Stabia non riesce nulla e Vitiello e Mezavilla riescono anche a farsi espellere, saltando così la gara decisiva contro i siciliani. Un’autentica follia da parte di due calciatori esperti che negli ultimi istanti lasciano i compagni in nove uomini. Finisce 0-0.